Asset allocation: istituzionali ottimisti sui bond dei mercati emergenti

A
A
A
di Redazione 18 Maggio 2022 | 09:07

La guerra in Ucraina ha aggiunto ulteriore volatilità agli asset a reddito fisso dei mercati emergenti. Secondo una ricerca pubblicata da Vontobel AM, gli investitori istituzionali di tutto il mondo sono preoccupati per gli effetti della guerra sui mercati, ma rimangono ottimisti per i prossimi mesi.

Vontobel ha intervistato più di 300 investitori istituzionali e gestori patrimoniali discrezionali a livello globale in Nord America, Europa e Asia-Pacifico durante il primo trimestre del 2022. Secondo il sondaggio, il 72% degli investitori istituzionali a livello globale era ottimista sulla crescita del PIL, sull’inflazione e sui premi di rendimento delle obbligazioni nell’Europa emergente prima dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Tuttavia, tra le risposte ricevute dopo l’invasione, solo il 55% degli investitori istituzionali si è detto ottimista.

Nonostante il minore ottimismo nei confronti dei mercati emergenti europei, i mercati emergenti nel loro complesso rimangono interessanti. Più della metà (64%) degli investitori istituzionali dichiara di voler aumentare (in parte o molto) la propria allocazione patrimoniale nel reddito fisso dei mercati emergenti nei prossimi 24 mesi. Questa tendenza è particolarmente pronunciata tra gli investitori istituzionali italiani, con il 73% che prevede di aumentare le allocazioni nel reddito fisso dei mercati emergenti nei prossimi 24 mesi.

Le tre principali ragioni citate dagli investitori istituzionali per aumentare le loro allocazioni sono: il vantaggio della diversificazione rispetto alle partecipazioni attuali (56%), l’elevata liquidità del mercato (48%) e le prospettive ESG favorevoli (47%).

“Nonostante il contesto sfavorevole, gli investitori istituzionali riconoscono la necessità di diversificare i loro portafogli per generare rendimenti più elevati, ma anche per proteggersi dalla volatilità di altre asset class dovuta alla volatilità dei mercati e alle condizioni geopolitiche – afferma Simon Lue-Fong, Head of Fixed Income Boutique di Vontobel – le obbligazioni dei mercati emergenti possono soddisfare queste esigenze, ma solo un gestore attivo esperto può comprendere le loro problematiche specifiche”.

Per quanto riguarda gli investimenti nel reddito fisso dei mercati emergenti, gli intervistati hanno indicato che le principali sfide che le loro istituzioni devono affrontare sono: preoccupazioni per i tassi di default e l’onere del debito (51%), liquidità (48%), volatilità (45%) e preoccupazioni per la corporate governance, la qualità e la trasparenza dei dati e gli standard di rendicontazione (38%).

“Queste preoccupazioni non sono nuove: l’asset class è ancora trattata come una nicchia esotica da molti investitori. Tuttavia, per gli investitori attivi che comprendono l’asset class, essa offre enormi opportunità: l’impatto dei tassi di default è spesso esagerato e i periodi di volatilità offrono ottime opportunità per sfruttare le inefficienze del mercato”, ha commentato Lue-Fong.

Gli investitori attivano mandati ESG nel reddito fisso dei mercati emergenti

Data la crescente importanza del monitoraggio dei fattori ESG nei mercati emergenti, quasi tutti (91%) gli intervistati dichiarano di utilizzare strategie di investimento ESG nella loro allocazione sul reddito fisso dei mercati emergenti, tra cui: l’impact investing (55%), lo screening sistematico per includere o escludere titoli (54%) e l’impegno con il management degli emittenti per influenzare le politiche e le pratiche ESG (49%).

Nonostante l’adozione diffusa, gli intervistati indicano diversi ostacoli che frenano le loro istituzioni dall’effettuare investimenti focalizzati sull’ESG nel reddito fisso dei mercati emergenti: dati di terze parti incoerenti (62%), scetticismo sull’impatto positivo degli investimenti ESG (61%), percezione di un rischio maggiore associato al reddito fisso dei mercati emergenti (43%) e mancanza di offerte ESG adeguate da parte di gestori esterni (43%).

“Negli ultimi anni, l’ESG è diventato una scommessa per gli investitori istituzionali e gli investitori a reddito fisso dei mercati emergenti stanno scoprendo che questa classe di attivi è posizionata in modo unico per generare rendimenti e allo stesso tempo avere un impatto positivo”, ha dichiarato Lue-Fong. “Dalla nostra ricerca è emerso che gli investitori istituzionali sono più che mai interessati ai prodotti d’investimento sostenibili e si affidano alle competenze dei gestori attivi per individuare opportunità d’investimento interessanti e sostenibili, gestendo al contempo i rischi unici insiti nei mercati emergenti”.

Ulteriori risultati specifici riguardanti l’Italia:

  • Il 73% degli investitori istituzionali italiani ha dichiarato che prevede di aumentare le allocazioni al reddito fisso dei mercati emergenti nei prossimi 24 mesi, mentre solo il 7% prevede di diminuire le allocazioni
  • Le ragioni addotte dagli investitori istituzionali italiani per allocare maggiormente il reddito fisso EM sono il flusso di reddito e la disponibilità di asset
  • Tuttavia, questa scelta non è priva di sfide. Il 45% degli intervistati italiani ha indicato come problema principale nell’investire nel reddito fisso EM la preoccupazione per la corporate governance, la qualità e la trasparenza dei dati, i timori per la liquidità e la mancanza di competenze interne alle istituzioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X