Asset allocation, obbligazioni: la view di Axa IM

A
A
A
di Redazione 5 Dicembre 2022 | 15:01

“Rallentamento della crescita globale, inflazione elevata, tassi d’interesse in rialzo. Nonostante le forti vendite subite quest’anno, la volatilità del mercato ha creato numerose opportunità sui titoli di qualità medio-alta, con valutazioni che non si vedevano da parecchio tempo. L’emissione limitata continua a fornire vento in poppa al settore dell’high yield. Pensiamo che una strategia high yield short duration sia ben posizionata, concentrandosi su titoli di migliore qualità e limitando il rischio di duration“. Parola di Mike Graham, Head of US High Yield di Axa IM, che di seguito spiega nei particolari la view.

Mentre la volatilità rimane un aspetto importante che non risparmia nessuna asset class, l’high yield continua a comportarsi in modo ordinato. I volumi complessivi sono modesti e non abbiamo ancora visto grandi esempi di vendite forzate. La bufera sui fondi pensione del Regno Unito che hanno sofferto pesanti perdite ha avuto un impatto trascurabile sul mercato US high yield. In ogni caso la migliore posizione dove collocarsi, nell’attuale contesto di mercato, è Ia short duration.

L’universo US high yield ha un valore di circa 1,7 trilioni di dollari. E il segmento short duration rappresenta circa un terzo di questo mercato.

L’afflusso di oltre 2,4 miliardi di dollari di ETF high yield del 28 ottobre è stato tra i maggiori mai registrati in questo mercato. I recenti afflussi negli ETF high yield (+7,7 miliardi di dollari dal 14 ottobre scorso) stanno fornendo un sostanziale supporto tecnico a breve termine all’intero settore, che comprende anche cosiddette “rising stars” (stelle nascenti), cedole, aste e scadenze. Una forza tecnica sfruttata dai gestori attivi per ridurre opportunisticamente l’esposizione a diversi segmenti del mercato high yield.

Chi investe in high yield tiene d’occhio anche altre potenziali e inaspettate occasioni all’interno e all’esterno dell’universo domestico delle obbligazioni corporate. Un buon esempio è stato il recente movimento dello yen giapponese e il successivo intervento della Banca del Giappone (BOJ) per stabilizzare la valuta. Abbiamo visto rimborsi forzati derivare da tali mosse, ma per ora la BOJ sembra aver attenuato tali timori.

Il mercato primario rimane ben disposto sul credito di qualità superiore e sulle società che godono di un momentum positivo. La maggior parte degli emittenti è in grado di pazientare data la duration più lunga, e cedole più basse nelle strutture di capitale esistenti. L’emissione limitata continua a dare vento in poppa all’high yield.

US high yield: prospettive per il 2023 

Il miglioramento del valore relativo del mercato sta creando molte opportunità di aumento del total return nei prossimi 12 mesi. Ci sono emittenti di qualità medio alta che offrono ancora buone performance in termini di fondamentali, nei quali è possibile investire a prezzi molto più convenienti. Ciò nonostante ci sono forti disparità dal punto di vista dei risultati fondamentali delle società presenti sul mercato.

La crescente inflazione ha messo in difficoltà alcune imprese, mentre altre dimostrano una maggior capacità di trasferire l’aumento dei costi sui consumatori e quindi riescono a far fronte alla corsa dei prezzi. Abbiamo così molte opportunità di selezionare titoli che ci portino a generare rendimento in futuro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti