Investimento passivo, una falsa sicurezza

A
A
A

È l’ora della gestione attiva per gestire meglio le emozioni dei clienti. Perché i rischi sono tanti. E molte bolle in agguato

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino6 agosto 2018 | 12:42

La necessità di gestire le emozioni dei clienti in risposta agli eventi del mercato e i rischi a essi associati possono essere una sfida per i consulenti finanziari, ma la strada da seguire è chiara: secondo il 78% dei consulenti finanziari italiani partecipanti a un recente sondaggio il mercato attuale è favorevole a una gestione attiva. Il 77,4% dei cf ritiene infatti che il protrarsi dell’attuale fase bullish del mercato ha reso gli investitori compiacenti rispetto all’assunzione del rischio, anche se l’81,3% afferma che i clienti non riescono a riconoscere il livello di rischio insito nei propri investimenti fino a quando questo non si manifesta.

Questa tendenza sembra riflettersi in gran parte sugli investimenti passivi effettuati dagli investitori. Quasi tre quarti (73,3%) dei cf interpellati pensa che gli investitori individuali non siano consapevoli dei rischi dell’investimento passivo, e il 70% afferma che gli individui hanno un falso senso di sicurezza riguardo a questa tipologia d’investimento. Al tempo stesso più di un terzo (80,6%) dei cf italiani raccomanda l’utilizzo di strumenti alternativi per migliorare la diversificazione dei portafogli e contribuire a mitigare il rischio in un contesto di mercato sempre più volatile, con un’ampia applicazione di strategie tra i portafogli dei clienti.

Per quanto riguarda la diversificazione, gli intervistati indicano più comunemente le strategie real estate (46,7%) e le strategie di asset allocation tattica globali (36%) come le migliori per raggiungere questo obiettivo. A proposito della gestione della volatilità, i consulenti italiani indicano le strategie long-short equity (24,7%) tra quelle consigliabili per gestirla. Per quanto riguarda la riduzione del rischio poi i professionisti finanziari italiani affermano di utilizzare a questo scopo le strategie market neutral (29,3%), long-short credit (27,3%), managed futures (18,7%) e le option writing (16%). E i rischi legati agli investimenti? Dal sondaggio emerge che i nostri cf considerano il rialzo dei tassi, il restringimento del quantitative easing e la volatilità le principali minacce potenziali sui mercati. Il 75,3% dichiara infatti che l’innalzamento del costo del denaro impatterà negativamente sui ritorni di portafoglio di quest’anno, seguito dalle misure in termini di quantitative easing (70%), dall’aumento della volatilità (68%), dall’esistenza di bolle speculative (57,3%) e dal contesto di bassi rendimenti (52,9%). Per gli advisor italiani l’aumento dei tassi a breve dovrebbe influire negativamente sulla volatilità dei bond (77,3%) e su quella complessiva del mercato (72,7%), sul mercato del credito (57,3%), su quello delle abitazioni (55,3%) e sui valori azionari (46%). Infine i consulenti finanziari italiani mostrano la massima preoccupazione per le criptovalute e, dopo il considerevole aumento nel 2017, più di tre quarti (78,7%) ritiene che questa bolla potrebbe scoppiare nell’anno in corso. E la maggior parte di essi ritiene che esistano bolle speculative anche all’interno del mercato obbligazionario (54,7%) e del settore tecnologico (16%).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti over 60, la paura fa 90

Vi spiego perché il consulente deve tifare Juve

Invertire la piramide

Modric ha bisogno di un consulente finanziario

SPORTELLO ADVISORY – Carte di credito, il recesso va comunicato bene

Bluerating Awards: volti e nomi dei fantastici 85 cf

ITForum 2018 a Milano, ci siamo

BFC EDUCATION: Bluedvisor, una puntata per i consulenti

Il consulente con il sorriso smagliante

Consulenti, così nasce un vero leader

Wealth management: il nuovo scenario del consulente patrimoniale

Trading e consulenza, questa sera su Bfc Events

Consulente, l’autorevolezza passa dall’abito giusto

ITForum Milano, trading, investimenti, consulenza e fintech: i dettagli delle aree tematiche

Consulenza a 4 teste: la rivoluzione di Azimut

Fideuram, festa di compleanno a Milano top secret

L’indipendenza riparte da Verona

Quando la consulenza passa dalla finanza olistica

Bluerating News, questa sera la consulenza è su Rete Economy

Il “buy” del consulente – 15/10/18, da Eni a Piaggio

Widiba, 4 consulenti e un manager per la nuova casa romana

Il “buy” del consulente – 11/10/18, da Esprinet a Generali

Il “buy” del consulente – 10/10/18, da Autogrill a Pirelli

Sarà la ConsulenTia del cambiamento

Un ex Azimut nel mirino di Consob

Mediolanum, brusca discesa della raccolta

SPORTELLO ADVISORY – Che rogna incassare un postdatato

Widiba, educarsi oggi per vivere meglio domani

Pic o Pac? Ecco l’investimento migliore

Il “buy” del consulente – 01/10/18, da Alkemy a Cnh Industrial

La consulenza fa il pieno di formazione

Consulenti, cambiare se stessi in meglio

Certificati Bonus Cap a misura di consulente

Ti può anche interessare

I danni della consulenza

Una consulenza finanziaria scorretta produce danni economici significativi. Lo studio di Evers and J ...

Si scatena il Big Bang, ma l’industria tiene

I consulenti finanziari iscritti all’Albo alla 
data del 13 dicembre 2017 sono 56.018 di cui
g ...

La rete per gli esclusi

A meno di quattro anni dall’avvio, XY Planning Network, la rete di consulenti finanziari low-cost ...