Investimento passivo, una falsa sicurezza

A
A
A

È l’ora della gestione attiva per gestire meglio le emozioni dei clienti. Perché i rischi sono tanti. E molte bolle in agguato

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino6 agosto 2018 | 12:42

La necessità di gestire le emozioni dei clienti in risposta agli eventi del mercato e i rischi a essi associati possono essere una sfida per i consulenti finanziari, ma la strada da seguire è chiara: secondo il 78% dei consulenti finanziari italiani partecipanti a un recente sondaggio il mercato attuale è favorevole a una gestione attiva. Il 77,4% dei cf ritiene infatti che il protrarsi dell’attuale fase bullish del mercato ha reso gli investitori compiacenti rispetto all’assunzione del rischio, anche se l’81,3% afferma che i clienti non riescono a riconoscere il livello di rischio insito nei propri investimenti fino a quando questo non si manifesta.

Questa tendenza sembra riflettersi in gran parte sugli investimenti passivi effettuati dagli investitori. Quasi tre quarti (73,3%) dei cf interpellati pensa che gli investitori individuali non siano consapevoli dei rischi dell’investimento passivo, e il 70% afferma che gli individui hanno un falso senso di sicurezza riguardo a questa tipologia d’investimento. Al tempo stesso più di un terzo (80,6%) dei cf italiani raccomanda l’utilizzo di strumenti alternativi per migliorare la diversificazione dei portafogli e contribuire a mitigare il rischio in un contesto di mercato sempre più volatile, con un’ampia applicazione di strategie tra i portafogli dei clienti.

Per quanto riguarda la diversificazione, gli intervistati indicano più comunemente le strategie real estate (46,7%) e le strategie di asset allocation tattica globali (36%) come le migliori per raggiungere questo obiettivo. A proposito della gestione della volatilità, i consulenti italiani indicano le strategie long-short equity (24,7%) tra quelle consigliabili per gestirla. Per quanto riguarda la riduzione del rischio poi i professionisti finanziari italiani affermano di utilizzare a questo scopo le strategie market neutral (29,3%), long-short credit (27,3%), managed futures (18,7%) e le option writing (16%). E i rischi legati agli investimenti? Dal sondaggio emerge che i nostri cf considerano il rialzo dei tassi, il restringimento del quantitative easing e la volatilità le principali minacce potenziali sui mercati. Il 75,3% dichiara infatti che l’innalzamento del costo del denaro impatterà negativamente sui ritorni di portafoglio di quest’anno, seguito dalle misure in termini di quantitative easing (70%), dall’aumento della volatilità (68%), dall’esistenza di bolle speculative (57,3%) e dal contesto di bassi rendimenti (52,9%). Per gli advisor italiani l’aumento dei tassi a breve dovrebbe influire negativamente sulla volatilità dei bond (77,3%) e su quella complessiva del mercato (72,7%), sul mercato del credito (57,3%), su quello delle abitazioni (55,3%) e sui valori azionari (46%). Infine i consulenti finanziari italiani mostrano la massima preoccupazione per le criptovalute e, dopo il considerevole aumento nel 2017, più di tre quarti (78,7%) ritiene che questa bolla potrebbe scoppiare nell’anno in corso. E la maggior parte di essi ritiene che esistano bolle speculative anche all’interno del mercato obbligazionario (54,7%) e del settore tecnologico (16%).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fideuram, festa di compleanno a Milano top secret

L’indipendenza riparte da Verona

Quando la consulenza passa dalla finanza olistica

Bluerating News, questa sera la consulenza è su Rete Economy

Il “buy” del consulente – 15/10/18, da Eni a Piaggio

Widiba, 4 consulenti e un manager per la nuova casa romana

Il “buy” del consulente – 11/10/18, da Esprinet a Generali

Il “buy” del consulente – 10/10/18, da Autogrill a Pirelli

Sarà la ConsulenTia del cambiamento

Un ex Azimut nel mirino di Consob

Mediolanum, brusca discesa della raccolta

SPORTELLO ADVISORY – Che rogna incassare un postdatato

Widiba, educarsi oggi per vivere meglio domani

Pic o Pac? Ecco l’investimento migliore

Il “buy” del consulente – 01/10/18, da Alkemy a Cnh Industrial

La consulenza fa il pieno di formazione

Consulenti, cambiare se stessi in meglio

Certificati Bonus Cap a misura di consulente

Il “buy” del consulente – 19/09/18, da Digital Magics a Poste Italiane

Consulenza per tutti i gusti da ITForum

Consulenti: leader sì, tiranno no

Mifid 2, attenti al quinto effetto

Il “buy” del consulente – 7/09/18, da A2a a Zignago Vetro

Versato assegno postdatato? L’operazione va stornata

Advisory Apocalypse Now

Makula al timone di Decalia

Consulenza e certificati, il punto sull’efficienza fiscale

Consulenza e formazione: analisi e progetti coerenti

Caso Galloro, l’affare si ingrossa

I mercati chiamano la consulenza

Consulenti, soluzioni per tutte le skill

Consulenza con i piedi

Consulenza: offrire “valore” al cliente

Ti può anche interessare

Una rivoluzione nella finanza digitale

All’Investment & Trading Forum di Rimini, l’evento organizzato dalla nostra casa editrice, m ...

Chi ha paura della Mifid 2?

Chi parla tutti i giorni con i consulenti finanziari riscontra quanto evidenziato nelle recenti rice ...

Mifid 2, primi effetti collaterali

L’ansia febbrile che ha caratterizzato il semestre scorso nell’attesa dell’avvio della nuo ...