Investimento passivo, una falsa sicurezza

A
A
A

È l’ora della gestione attiva per gestire meglio le emozioni dei clienti. Perché i rischi sono tanti. E molte bolle in agguato

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino6 agosto 2018 | 12:42

La necessità di gestire le emozioni dei clienti in risposta agli eventi del mercato e i rischi a essi associati possono essere una sfida per i consulenti finanziari, ma la strada da seguire è chiara: secondo il 78% dei consulenti finanziari italiani partecipanti a un recente sondaggio il mercato attuale è favorevole a una gestione attiva. Il 77,4% dei cf ritiene infatti che il protrarsi dell’attuale fase bullish del mercato ha reso gli investitori compiacenti rispetto all’assunzione del rischio, anche se l’81,3% afferma che i clienti non riescono a riconoscere il livello di rischio insito nei propri investimenti fino a quando questo non si manifesta.

Questa tendenza sembra riflettersi in gran parte sugli investimenti passivi effettuati dagli investitori. Quasi tre quarti (73,3%) dei cf interpellati pensa che gli investitori individuali non siano consapevoli dei rischi dell’investimento passivo, e il 70% afferma che gli individui hanno un falso senso di sicurezza riguardo a questa tipologia d’investimento. Al tempo stesso più di un terzo (80,6%) dei cf italiani raccomanda l’utilizzo di strumenti alternativi per migliorare la diversificazione dei portafogli e contribuire a mitigare il rischio in un contesto di mercato sempre più volatile, con un’ampia applicazione di strategie tra i portafogli dei clienti.

Per quanto riguarda la diversificazione, gli intervistati indicano più comunemente le strategie real estate (46,7%) e le strategie di asset allocation tattica globali (36%) come le migliori per raggiungere questo obiettivo. A proposito della gestione della volatilità, i consulenti italiani indicano le strategie long-short equity (24,7%) tra quelle consigliabili per gestirla. Per quanto riguarda la riduzione del rischio poi i professionisti finanziari italiani affermano di utilizzare a questo scopo le strategie market neutral (29,3%), long-short credit (27,3%), managed futures (18,7%) e le option writing (16%). E i rischi legati agli investimenti? Dal sondaggio emerge che i nostri cf considerano il rialzo dei tassi, il restringimento del quantitative easing e la volatilità le principali minacce potenziali sui mercati. Il 75,3% dichiara infatti che l’innalzamento del costo del denaro impatterà negativamente sui ritorni di portafoglio di quest’anno, seguito dalle misure in termini di quantitative easing (70%), dall’aumento della volatilità (68%), dall’esistenza di bolle speculative (57,3%) e dal contesto di bassi rendimenti (52,9%). Per gli advisor italiani l’aumento dei tassi a breve dovrebbe influire negativamente sulla volatilità dei bond (77,3%) e su quella complessiva del mercato (72,7%), sul mercato del credito (57,3%), su quello delle abitazioni (55,3%) e sui valori azionari (46%). Infine i consulenti finanziari italiani mostrano la massima preoccupazione per le criptovalute e, dopo il considerevole aumento nel 2017, più di tre quarti (78,7%) ritiene che questa bolla potrebbe scoppiare nell’anno in corso. E la maggior parte di essi ritiene che esistano bolle speculative anche all’interno del mercato obbligazionario (54,7%) e del settore tecnologico (16%).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, il titolo inciampa dopo il dietrofront di BlackRock

Consulenti, IWBank PI è pronta ad accelerare

Reti e consulenza, i pionieri della fee only

Dal prodotto al servizio: la consulenza finanziaria income based

Consulenza indipendente: botta e risposta con il neo Vice Presidente di AssoSCF

Consulenza finanziaria e costi: a ITForum una tavola rotonda per parlarne

Consulenti, i CF webinars sbarcano al Salone del Risparmio

ITForum Rimini 2019: Programma formativo sempre più ricco

Reti, raccolta ancora in marcia. Riparte il gestito

Salone del Risparmio, Legg Mason GAM: “Azioni: è giunto il tempo delle strategie unconstrained”

Reti e controversie, ecco quelle più coinvolte

Cosa Banksy può insegnare a un consulente finanziario

Scm Sim, la perdita triplica

Reti: come emozioni e scelte di investimento impattano sull’offerta

Consulenza, due contratti che sono due incubi

Consulenti autonomi e scf, c’è il corso di sopravvivenza

Questionari Mifid 2, i principi Esma sono ancora un miraggio

Banca Euromobiliare e la metafora spaziale

Il consulente incompetente

Azimut, ecco il nuovo dream team

Consulenza: ritorno al futuro

Consulenza e trasparenza costi: una polemica sterile

Consulenza, ecco le linee guida per l’informativa su costi ed oneri

Consulenza finanziaria, chi è maestro americano destinato a rivoluzionarla

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Ocf: nuovo comitato consultivo, buona la prima

La consulenza deve diventare grande

Commissioni sulle performance, il fardello italiano

Mediolanum, cosa significa essere Private Banker

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Fideuram Ispb: in due mesi 24 ingressi

LA VOCE DEL CONSULENTE: la raccolta è al bivio

Vogliamo la Consulenza di cittadinanza

Ti può anche interessare

Mifid 2, attenti al quinto effetto

La tanto citata e in qualche caso vituperata Mifid 2 ha prodotto e sta producendo almeno cinque impo ...

La check list di buona advice

La consulenza finanziaria professionale implica che il servizio sia erogato con l’obbligo di dilig ...

Consulenza indipendente, tanto tuonò che non piovve

Novantaquattro consulenti finanziari autonomi e tredici società di consulenza finanziaria risultano ...