Prestiti, il rischio “bolla” è dietro l’angolo

A
A
A
di Redazione 29 Agosto 2017 | 08:27

Il mercato del credito sta vivendo una stagione di forte dinamismo. In Europa, riporta Il Sole 24 Ore, a luglio lo stock di erogazioni nell’area euro ha superato quota 640 miliardi, una cifra vicina ai livelli pre-crisi. Dai minimi del 2015 l’impennata è stata di 100 miliardi. Negli Usa il comparto registra un trend ancora più accentuato: gli erogati hanno toccato i 3.800 miliardi di dollari, 300 in più di due anni fa.

In questo scenario l’Italia mostra segnali di crescita con un’impennata del 15,6% delle erogazioni, rappresentando il mercato più vitale del Vecchio Continente. Inoltre, i tassi di default sono a livello quasi zero. Ma in Usa la storia è ben diversa. Il livello di delinquency nei prestiti agli studenti è balzato all’11,2%, mentre quello dei prestiti auto sfiora il 4%. La componente subprime alla fine del primo trimestre aveva generato un tasso di perdite del 9,1%. Insomma, sono dati che dimostrano come sia arrivato il momento di rallentare sui prestiti subprime prima dello scoppio di un’altra bolla come quella del 2008.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La pandemia fa crollare i flussi di credito al consumo in Italia nei primi 9 mesi

Credito al consumo, Deutsche Bank: oltre 100 milioni di erogazioni green nel 2019

In Italia il restringimento del credito è già partito

NEWSLETTER
Iscriviti
X