Per i fondi di private debt la pandemia è un vero affare

A
A
A
di Private 27 Maggio 2020 | 09:36

Si sa che le fasi di crisi possono rivelarsi opportunità per gli investitori più scaltri e con liquidità a disposizione. Una conferma si sta avendo anche in questa recessione scoppiata in seguito alla pandemia di coronavirus.

La paralisi dell’m&a conseguenza della crisi offre nuovi spazi di mercato ai fondi di private debt, che hanno cominciato a diffondersi in seguito alla crisi finanziaria prima ed economica poi del 2008-2009 e sono reduci da oltre un decennio di crescita ininterrotta. “Il private debt è visto sempre più come una fonte importante di liquidità e
di finanziamento di lungo termine”, spiega su MF di oggi Ji-Eun Kim, head of private asset manager solutions di Schroders. “Finora non abbiamo visto bruschi aumenti nei tassi di default e nemmeno delle perdite”.

Quindi aggiunge: “In periodi complessi, le negoziazioni possono portare ad accordi di breve termine, compresi i differimenti del pagamento degli interessi o le deroghe ai patti, che sono in grado di fornire ai debitori il tempo necessario per affrontare le sfide di breve termine e di generare ulteriori ricavi dalle commissioni per i finanziatori”.

In questo scenario, “fornire ulteriori finanziamenti in modo selettivo ai debitori che devono far fronte a flussi di cassa inferiori può mettere i creditori diretti in una posizione molto solida”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco perchè il mercato azionario non teme la variante Delta

Bce, Lagarde: “E’ ancora necessario ‘schermare’ l’economia”

Il 2021 potrebbe essere l’inizio della fine di una crisi senza precedenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X