Promotori, training class: oggi si parla di normativa in tema di appropriatezza

A
A
A

Secondo le disposizioni dell’articolo 41 della delibera CONSOB 16190 in materia di appropriatezza, è corretto affermare che “l’intermediario non può incoraggiare un clientea non fornire informazioni sul suo conto”?

di Redazione29 settembre 2014 | 14:16

La risposta corretta alla domanda pubblicata venerdì, in tema di normativa per la segnalazione di operazioni sospette, la risposta esatta era quella contrassegnata dalla lettera D. La riproponiamo qui di seguito.

Quale delle seguenti affermazioni è corretta?
A:    Qualora le informazioni dettagliate previste per la segnalazione di operazioni sospette non siano disponibili al momento della possibile segnalazione, questa deve essere rimandata fino al completamento dell’incartamento necessario
B:    Qualora le informazioni dettagliate previste per la segnalazione di operazioni sospette non siano disponibili al momento della segnalazione stessa, questa indica almeno il nominativo del soggetto segnalante, al fine della sua convocazione da parte dell’autorità giudiziaria
C:    Qualora le informazioni dettagliate previste per la segnalazione di operazioni sospette non siano disponibili al momento della segnalazione stessa, questa è considerata irricevibile e viene pertanto respinta
D:    Qualora le informazioni dettagliate previste per la segnalazione di operazioni sospette non siano disponibili al momento della segnalazione stessa, questa indica almeno i motivi che inducono a ritenere che possa trattarsi di operazione sospetta

La domanda di oggi verte invece sull’articolo 41 della delibera CONSOB 16190 in materia di appropriatezza. Mettetevi alla prova!

Secondo le disposizioni dell’articolo 41 della delibera CONSOB 16190 in materia di appropriatezza, è corretto affermare che “l’intermediario non può incoraggiare un clientea non fornire informazioni sul suo conto”?

A: No, perché l’intermediario non è sottoposto a vincoli in tal senso
B: Sì, anche quando ci si riferisce a servizi diversi dalla consulenza in materia diinvestimenti e gestione di portafogli
C: Sì, ma solo con riferimento ai servizi di consulenza in materia di investimento egestione di portafogli
D: No, poiché l’intermediario può agire anche in mancanza delle informazioni richieste

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il codice deontologico Anasf

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il risparmio amministrato

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con la prova valutativa

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con gli intermediari

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il Testo unico della finanza

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con l’insider trading

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i tassi

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con gli obblighi di comunicazione

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il Tfr

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con l’iscrizione all’albo

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con l’albo unico

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le transazioni

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i fondi azionari

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i titoli di credito

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con gli interessi

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il rendiconto degli strumenti finanziari

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i fondi pensione

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le società per azioni

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le assicurazioni sulla vita

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il divieto d’iscrizione all’albo

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i certificates

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le gestioni di portafoglio

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con gli utili

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le sanzioni

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le polizze

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le Sicav

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il codice di comportamento Assoreti

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con l’ammortamento francese

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con l’accettazione bancaria

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i trasferimenti di denaro contante

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con i contratti future

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le informazioni ai clienti

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le società per azioni

Ti può anche interessare

Finanza & Futuro, staffetta al vertice

Di Muro nuovo a.d.. Escalona diventa vicepresidente e senior advisor della divisione PW&CC. ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il dividend discount model

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito delle sicav, era quella contraddistinta ...

Nouy (Bce): “Ancora troppi npl per le banche italiane”

Per il capo della vigilanza della Banca centrale europea, gli istituti di credito della Penisola han ...