Azimut, è caccia grossa a 150 bancari “affluent”

A
A
A

Il processo di selezione sarà fatto internamente, mirato e a numero chiuso. Grande attenzione alla consulenza evoluta. Parla Paolo Martini.

Marco Muffato di Marco Muffato11 ottobre 2017 | 09:44

Azimut crede da sempre nel reclutamento come leva per la crescita del business. E i numeri lo dimostrano: negli ultimi cinque anni sono stati 770 i professionisti che hanno scelto il player di via Cusani come nuovo approdo professionale. Azimut ha deciso di rilanciare puntando le sue fiche ancora una volta sul reclutamento, concentrandosi sul bacino dei bancari di qualità. Ne parliamo con Paolo Martini (nella foto), amministratore delegato di Azimut Capital Management e co-direttore generale di Azimut Holding.

È nota la vostra attenzione al reclutamento come strategia di crescita. Dopo la felice focalizzazione sul bacino del private banker degli anni scorsi, dove si stanno concentrando ora le vostre attenzioni?
Anche su un nuovo progetto dedicato al mondo dei bancari “affluent”. Un obiettivo che abbiamo individuato sulla scorta di due considerazioni: in primo luogo l’età media dei cf è sempre più alta, ormai prossima ai 56 anni, i giovani bravi pronti a subentrare sono sempre meno. In secondo luogo merita particolare attenzione il mondo delle banche tradizionali, soprattutto quello degli istituti più grandi, che sta rivedendo i modelli di business, con migliaia di esuberi in arrivo, sportelli che chiudono – dai 34mila del 2011 ai 29 mila di inizio anno -, dipendenti bancari che hanno ansia e timore per il loro lavoro in banca che è sempre meno sicuro e per il quale si deve pensare a nuove modalità di servire il cliente e anche a nuove formule contrattuali. L’onda arriverà, ed è meglio che i singoli gestori affluent gestiscano loro il cambiamento piuttosto che vederselo imposto.

Quali sono i numeri legati al vostro progetto e quando partirete con l’attività di recruiting?
Lo stiamo lanciando in queste settimane. Confermo che sarà uno dei progetti strategici di Azimut Capital Management nei prossimi anni e che sarà centrato sul target personal o affluent delle banche – composto cioè da gestori affluent fino ai direttori di filiale – e finalizzato a inserire 150 bancari nella nostra rete entro i prossimi tre anni. Questo senza dimenticare che continueremo ad inserire profili di elevata qualità sull’alto segmento del private banking, su cui siamo ormai un punto di riferimento assoluto e sul mondo dei cf delle reti concorrenti, così come dimostrano gli oltre 770 professionisti inseriti nel gruppo dal 2012.

A chi sarà affidato il processo di selezione dei candidati?
Il processo di selezione sarà molto mirato perché a numero chiuso per massimo 150 persone e sarà effettuato soprattutto internamente, con la formazione di un team di circa 20 professionisti sul territorio dedicati solo a questo progetto, che seguirò direttamente in sinergia con i managing director della distribuzione e con il supporto e coordinamento di Roberto Ferri e Paolo Cosmelli. Ci avvarremo anche di società esterne.

In cosa consiste la proposta diretta ai bancari affluent?
La proposta studiata per questi professionisti è un mandato di agenzia molto incentivante, con un minimo garantito fino a 4 anni, e per alcune figure mirate oltre a questo contratto affiancheremo anche un contratto di assunzione a tempo indeterminato, con un part time verticale che per noi è una novità assoluta. Al di là dell’aspetto contrattuale, mi preme sottolineare che a questo progetto è collegata una fortissima attenzione al mondo dei servizi bancari, derivante dal fatto che Azimut intrattiene rapporti con diversi partner bancari, il che è un unicum sul mercato. Non solo: daremo grande rilevanza agli aspetti formativi per insegnare un mestiere non nuovo ma fatto in modo diverso e pieno di opportunità per i candidati che supereranno la selezione: per questa ragione abbiamo previsto la presenza di tutor sul territorio che avranno il compito di affiancare i bancari. Concludo affermando che ci sarà una grande attenzione sulla consulenza evoluta con l’obiettivo di elevare le competenze dei bancari prescelti in un mercato che sta cambiando profondamente con la Mifid 2 e le nuove tecnologie.

Perché ritiene che questo progetto avrà successo?
Siamo stati innovatori con la divisione Azimut Wealth Management, nata 8 anni fa, che ha appena festeggiato a Venezia i 10 miliardi di euro di asset, sullo sviluppo estero con una presenza internazionale oggi in 16 Paesi nel mondo che rappresenta il 22% delle masse totali del gruppo e con il Progetto libera Impresa dedicato al mondo delle pmi, con il quale abbiamo aiutato in questi anni oltre 200 aziende e raccolto più di 400 milioni di euro e che vedo va adesso per la maggiore da parte di alcuni competitor. Essere anticipatori e innovatori fa parte del nostro dna e questo progetto sui bancari è la nostra nuova scommessa sul mercato. Ricordo che alla vigilia della crisi che ha investito in particolar modo le banche nel 2008, avevamo circa 13 miliardi di euro di masse totali e oggi ne abbiamo quasi 50. La nostra crescita e indipendenza ci permettono di offrire a chi si unisce e si unirà a noi la possibilità di sentirsi davvero parte di un grande progetto, attraverso un modello di partnership unico e distintivo.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn784Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, terza tappa del buyback

Azimut, continua lo shopping in Australia

Azimut, il titolo piace a Credit Suisse

Azimut, ecco la newco dei 3 ex super gestori

Albarelli (Azimut): “Tanto sviluppo, tanto estero”

Azimut: “Piano di acquisto completato da 1.200 colleghi”

Azimut e Alfalah Investments lanciano un fondo sull’azionario pakistano

Azimut colpisce ancora in Australia

Azimut? Arriverà a 50 euro

Azimut, nei 9 mesi il secondo miglior utile di sempre

Bluerating in edicola: “Partiamo in vantaggio con la Mifid 2”

Azimut, rivoluzione nella gestione

Azimut, l’Australia traina la raccolta a ottobre

Colpo AlpenBank, ingaggiata Rita Ghigo

Fineco e le altre: è tempo di trimestrali

Azimut, alleanza in Medio Oriente

Azimut, l’estero fa bene al business

Azimut, acquisizione in Iran

Azimut, BlackRock scende di nuovo sotto il 5%

Azimut CM festeggia il primo compleanno con 80 cf in più

Azimut Wealth Management sopra la soglia dei 10 miliardi

Lanzoni entra nella squadra di Azimut Wm a Genova

Azimut varca la soglia dei 4 miliardi

Azimut fa ancora shopping in Australia

Azimut, nuovo colpo in Australia

Personal branding: Azimut ti prende per mano

Investire sull’economia reale è un bene

Azimut festeggia il via libera dal Brasile

Azimut, Anima e FinecoBank: risparmio gestito sotto i riflettori a Milano

Azimut punta forte sul private equity

Blueindex: è tempo di trimestrali ma occhio al dollaro

Azimut, utile quasi raddoppiato

Acquisizione di Aletti Gestielle? Ecco la risposta di Azimut

Ti può anche interessare

Diritto camerale annuale, Anasf mette in guardia dal bollettino farlocco

Mentre si avvicina la scadenza per il pagamento del diritto camerale, Anasf segnala che alcuni suoi ...

OCF, esame light per i commercialisti: altro stop al Senato

Bocciato a Palazzo Madama l’emendamento dei senatori NCD Marinello e Viceconte che prevede una pro ...

Nasce Plick: l’assegno dice addio alla carta e diventa digitale

PayDo, startup digitale italiana nata dall’esperienza di professionisti nel settore dei pagamenti, ...