Banche europee o Usa? Le più solide sono…

A
A
A

Brad Tank di Neuberger Berman svela le differenze tra le banche europee e quelle Usa.

Chiara Merico di Chiara Merico25 febbraio 2016 | 09:48

MEGLIO GLI ISTITUTI CANADESI – Tra Europa e America c’è di mezzo un oceano, almeno per quanto riguarda le banche. Secondo Brad Tank, chief investment officer fixed income di Neuberger Berman, “due settimane fa, quando il mercato stava facendo i capricci, in Canada la stampa finanziaria si stupiva di quanto fossero solide le banche canadesi dato che avevano perso “solo” il 7-10% del loro valore di mercato da inizio anno mentre le omologhe europee ed americane erano in rosso del 20-30%. Una delle molte spiegazioni proposte del panico sui titoli delle banche americane era l’ammontare di debito deteriorato legato all’industria energetica a cui potevano essere esposte. Le banche canadesi, semmai, sono ancora più esposte a questi rischi”. Per Tank “c’è un po’ di verità in ciascuna delle spiegazioni del sell-off del settore bancario a livello mondiale: la domanda di prestiti messa a tacere, i tassi benchmark negativi, le curve di rendimento piatte, l’esposizione al petrolio. Tuttavia la cosa di gran lunga più importante è stata la pressione tecnica sulle vendite”.

QUESTIONE DI LEVA – “Quando il core business è prendere denaro a prestito a breve termine e prestarlo a lungo termine, il contesto non è dei migliori per la profittabilità“, sottolinea il gestore. “Quest’ultima è significativa per gli azionisti ma nella maggior parte dei business la profittabilità deve deteriorarsi molto, prima di arrivare a riguardare i creditori. In realtà una piccola erosione della profittabilità può essere positiva per chi detiene obbligazioni poiché può rendere il management più cauto. Le banche sono differenti, certo. Dal momento che la leva bancaria viene regolamentata sempre più, il sentiment che colpisce le valutazioni azionarie può essere molto dannoso se spinge una banca con leva elevata vicino al suo capital ratio normativo minimo. Questo può portare gli obbligazionisti irrequieti a chiedere un prezzo più alto per assumersi il rischio di “bail-in” in caso di fallimento bancario. Il capitale tier-1 addizionale nelle banche europee può perfino essere convertito in equity prima che una banca fallisca”, nota Tank. “Le banche americane, invece, non hanno leva elevata. Dalla crisi finanziaria il rapporto tra capitale ed asset detenuti dalle banche è cresciuto in media da circa il 9% al 12%. Inoltre, dopo il crollo seguito alla crisi finanziaria, la redditività è risalita al di sopra del 9%. Riteniamo che le banche americane siano le meglio gestite al mondo e la maggior parte di esse ha dei buoni piani di successione”, evidenzia il gestore. “Ecco perché crediamo che il debito delle banche americane sia un buon investimento adesso. Siamo felici di notare che uno dei banchieri più rispettati, Jamie Dimon di JPMorgan, è d’accordo con noi: il suo acquisto di 26 milioni di dollari del titolo della sua banca suggerisce un certo margine di correzione della valutazione scorretta che abbiamo identificato”.

I PROBLEMI DEL MERCATO EUROPEO – Secondo Tank “è più difficile essere entusiasti delle banche europee. È vero che esistono punte di eccellenza. Ad esempio, molte banche scandinave sono entrate nella crisi del 2007-2009 efficienti e ben capitalizzate e da allora hanno guadagnato quote di mercato. Altrove gli alti costi, un mercato internazionale frammentato che scoraggia la competizione ed una maggiore attenzione su business meno profittevoli basati sulla relazione hanno portato ad una redditività strutturalmente inferiore e, per compensazione, a una leva più elevata rispetto agli Usa. Le autorità europee sono state molto più lente a chiedere un intervento quando è arrivata la crisi (le banche dell’Eurozona hanno ancora un rapporto tra capitale ed asset detenuti di solo l’8% in media) e la redditività si è ripresa di poco rispetto ai livelli del 4-5% sui quali era caduta nel 2008-2009. Ecco perché vediamo una reazione più marcata sulle obbligazioni bancarie europee rispetto a quelle americane. Il debito convertibile del capitale tier-1 addizionale ha perso il 20% del valore, in linea con quello azionario, seguendo esattamente il copione che era stato scritto per lui in condizioni del genere”.

CONTESTI DIFFERENTI – “Le banche europee si stanno sforzando di costruire la solidità richiesta dalle autorità regolamentari ed essere più efficienti per aumentare la redditività mentre le autorità rimangono bloccate nei dibattiti politici sull’unione bancaria. È un passo da fare ma è duro e doloroso ed è la stessa strada che le banche americane hanno percorso 6 anni fa più velocemente ed in un quadro di riferimento normativo molto più semplice. Di conseguenza, guardando ai fondamentali di oggi, vediamo un oceano tra le banche europee e quelle Usa sotto più di un profilo. Che il mercato qualche volta non ne tenga conto permette a chi ha la mano ferma di costruire posizioni a valutazione potenzialmente molto attraenti”, conclude il gestore.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Un appello a Di Maio per parlare anche di consulenza

Finanziamenti, nel 2018 piccolo è meglio

Banche, quanti tagli alle filiali

Caso Galloro, la risposta di Südtirol Bank

Intesa Sanpaolo è la miglior banca italiana

Banche, in Europa fusioni all’orizzonte

Consulente sospeso, riabilitato, risospeso e poi radiato

Consulenza, tra banche e reti non c’è storia

Massimo Doris vale 100 milioni

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Südtirol Bank pesca l’asso da Fideuram

Fineco, quanto è buono il gestito nella raccolta

Diamanti, si ritiri chi può

Divergenze sulla governance, si dimette il presidente di Banca Carige

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Ti può anche interessare

L’unico frutto della polizza…è la banana (gonfiabile)

Racchettoni, frutti di plastica e pedalò: ecco come difendersi dalle minacce estive ...

Bnp Paribas Am: la continuità prevale sulle turbolenze, azioni in rialzo in ottobre

Gli osservatori di mercato hanno interpretato in senso espansivo la decisione del presidente della B ...

Oddo Bhf prende ACG Capital

Fondata nel 1998, ACG Capital è una delle più antiche società di gestione di fondi di fondi prima ...