La class action italiana non soddisfa tutti

A
A
A

Approvate in Senato le nuove norme sulle cause collettive. Ricorsi più semplici, ma non per tutti. Un dettaglio lascerà parecchi risparmiatori insoddisfatti: niente azioni collettive contro i default avvenuti prima del 30 giugno 2008.

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti30 aprile 2009 | 08:20

Dal 1° luglio entrerà in vigore la nuova versione dell’azione collettiva voluta dal governo e che ha ricevuto l’approvazione della commissione industria del Senato.

Sono tre le aree di diritti che possono essere tutelate. Partiamo da quelli relativi a danni provocati da pratiche commerciali scorrette o da comportamenti anticoncorrenziali. In riferimento a questa fattispecie toccherà alla magistratura verificare la coerenza tra mezzo e interesse fatto valere. Un ruolo inusuale per il nostro ordinamento, che porta alla realizzazione di quello che è un abbozzo di giudice specializzato in economia, forse l’aspetto più originale di tutta la riforma.

In secondo luogo abbiamo i diritti identici che spettano ai consumatori di un medesimo prodotto. Una tipologia casistica che non richiede l’esistenza di un contratto tra le parti e che vede al suo interno la possibilità di rivalsa collettiva contro l’impresa che ha messo in circolazione merce difettosa o addirittura.

Veniamo ora all’aspetto che maggiormente coinvolge il mondo finanziario. Trattasi della tutela dei diritti contrattuali di una pluralità di consumatori e utenti che si trovano, nei confronti di una stessa impresa, nella medesima situazione. Vengono chiamati in causa anche i contratti conclusi attraverso moduli e formulari e quelli per adesione sulla base degli articoli 1341 e 1342 del cc; una fattispecie prevista all’interno di diversi servizi bancari ed è in questo contesto che si colloca l’eventuale profilo di responsabilità per negligenza.

Sembrano quindi sussistere gli strumenti per numerose azioni collettive, ma bisogna considerare che i default avvenuti prima del 30 giugno 2008 non sono compresi nella class action all’italiana. Un limite che dovrebbe impedire le azioni collettive nei confronti dei crack del recente passato, come ad esempio Parmalat. Come spesso accade in Italia, ormai è troppo tardi.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pictet Asset Management, Roadshow invernale ai nastri di partenza

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

Da Swiss Re a Generali, assicurativi aprono in ripresa in Europa

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Corea del Nord, i mercati non credono all’escalation militare

Borse europee aprono in leggero rialzo, occhio a Bce e Fed

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

La Bank of England non usa toni da “falco”, lima le stime su Pil e paghe

Sterlina in ripresa, borse caute in attesa della Bank of England

Saudi Aramco, sarà Londra la prescelta?

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

Julius Baer vola in borsa dopo i numeri della semestrale

Carmignac: sui mercati regna un ottimismo razionale

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Fca prova a far ripartire i diesel negli Usa

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

Aramco: troppo pochi investimenti nel settore petrolifero

Le precisazioni della Bce fanno ripartire borse e bond

Jp Morgan: sui mercati un eccesso di uniformità di vedute

Borse europee, una mattinata ricca di spunti operativi

Nomura: per gli investitori istituzionali la Borsa di Tokyo è destinata a salire

La BoJ non cambia idea, le borse ringraziano

Pictet AM: “Altri rialzi in vista per le borse”

Elezioni inglesi: conservatori in calo, governo in minoranza

Giornata ricca di appuntamenti per le borse europee

Qatar isolato dopo attentato londinese

Commerzbank propone prepensionamenti

Piazza Affari: indici in rosso, ma non è solo colpa della politica

Macron ha vinto, le borse perdono terreno

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

State Street: puntate su euro, bond e borse europee ma attenti alla volatilità

Euro, borse e bond in rialzo grazie ai risultati delle elezioni francesi

Ti può anche interessare

Bper: nessun aumento di capitale per CariFe

BPER NON AUMENTARA’ IL CAPITALE PER CARIFE – Anche nel caso venga rilevata CariFe (la quarta ...

Piazza Affari apprezza la semestrale di Mediobanca

MEDIOBANCA SALE DOPO I CONTI – Mediobanca in rialzo a Piazza Affari, dopo che la banca d’aff ...

Apple segna nuovi massimi storici a Wall Street

APPLE TOCCA NUOVI RECORD STORICI – Tim Cook non sarà mai Steve Jobs, ma da quando il nuovo nu ...