Rehn, serve più sorveglianza fiscale per gli eurobond

A
A
A

Il commissario Ue degli affari economici mette in guardia sulla necessità di un maggiore controllo sugli eurobond

di Redazione29 agosto 2011 | 16:05

Olli Rehn, in un’audizione al Parlamento europeo dichiara: “È chiaro che gli eurobond, in qualunque forma venissero introdotti, dovrebbero essere accompagnati da una sorveglianza fiscale e un coordinamento di politiche sostanzialmente rafforzati come controparte essenziale, al fine di evitare azzardi morali e garantire finanze pubbliche sostenibili.Questo comporterebbe conseguenze inevitabili per la sovranità fiscale, invitando ad un dibattito di merito negli Stati membri dell’area euro, per vedere se sarebbero pronti ad accettarla”. Come detto prima dell’estate in questo Parlamento, nel contesto pacchetto sulla governance, ricorda che la Commissione è impegnata a presentare nel prossimo futuro una relazione sulle alternative e problemi tecnici per la progettazione di Eurobond. Su questa base, prima di adottare ulteriori misure, vi sarà una vasta consultazione per identificare possibili terreni comuni e un modo ragionevole. Nel suo prossimo discorso sullo Stato dell’Unione, il presidente Barroso illustrerà le proposte della Commissione su come governance economica dell’area dell’euro possono essere ulteriormente sviluppati”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Arriva la mini voluntary. Ecco quanto costa e a chi si rivolge

Ethenea, un viaggio verso la destinazione 2018

Obbligazionario trigger per l’azionario

Ubs Wm vede all’orizzonte una correzione per l’euro

Ambrosetti, a Cernobbio il Forum fa il tagliando all’economia

Le criticità dei mercati alla prova dell’intelligenza del rischio

Peters: “La prossima crisi sarà devastante”

Successo di gruppo

Credit Suisse e Lbs scoprono chi ha reso di più come azioni e bond dal 1900 a oggi

Goldman Sachs AM, ecco i tre principali rischi sui mercati

Consultinvest: regola numero uno, guardare ai fondamentali

Schroders: la debolezza dei mercati dovuta al sentiment degli investitori

La volatilità: cos’è davvero e come funziona

Padoan e Lombardo al Salone del Risparmio: strada della ripresa ancora lunga

L’ondata di vendite? Colpa degli umori

Mercati, state sereni: ci penserà mamma Fed

Insider&mercati, l’outlook globale rimane positivo

Olli Rehn a BLUERATING: “ci aspettiamo che l’Italia continui così anche dopo le elezioni”

Investire sulle aziende che comunicano apertamente conviene

La Francia rischia di diventare il nuovo malato d’Europa

Decisioni d’investimento, assicurative e previdenziali

Democratici e Repubblicani divisi sul fiscal cliff

Stimoli monetari in grado di compensare i bassi utili

Il trading online, dallo Sputnik al World Wide Web (1930-1999)

Titolo da monitorare StMicroElectronics

Titolo da monitorare Fiat Industrial

Titolo da monitorare Banca Monte dei Paschi di Siena

Arriva Bluerating, la grande fuga da Banca Network

Titolo da monitorare Eni

Titolo da monitorare Snam

Titolo a monitorare Ubi Banca

Cipro è il quinto Paese a chiedere gli aiuti all’Europa

La Germania: l’altra faccia della locomotiva d’Europa

Ti può anche interessare

Borsa Italiana, Jerusalmi: “Risolvere il nodo credito ci aiuterà a risalire”

Per l'a.d. di Borsa Italiana la performance negativa del listino milanese nel 2016 " era inevitabile ...

Fca prova a far ripartire i diesel negli Usa

FCA SPERA IN CERTIFICAZIONE EPA – Fiat Chrysler Automobiles (oggi in rialzo dello 0,6% a Piazz ...

DEGIRO, il broker di Amsterdam che manda le commissioni al tappeto

Nato nel 2008 e attivo ormai in 18 nazioni, l’intermediario con sede in Olanda si rivolge anche ag ...