UniCredit Research: si vede la luce in fondo al tunnel

A
A
A

Presentato il rapporto previsionale Outlook 2012 della UniCredit Research, guidata dal capo economista Erik Nielsen…

di Redazione31 gennaio 2012 | 14:59

La crescita globale dovrebbe rallentare dal 4,25% del 2011 al 3% per quest’anno. A dirlo il rapporto previsionale Outlook 2012 presentato da UniCredit Research, guidata dal capo economista Erik Nielsen. È probabile che in eurozona si assisterà a una flessione del tasso di crescita dall’1,6% allo 0,6%, ma prosegue lo studio, “la traiettoria del Pil dovrebbe aver toccato il punto minimo a fine 2011. Come dire: il peggio è ormai passato, ma rimangono ancora molte incertezze. In primis per Italia, Portogallo e Grecia, paesi per il quale è prevista una contrazione del Pil.

“UniCredit prevede una stabilizzazione dell’economia europea durante l’inverno, seguita da un moderato miglioramento della crescita, che dovrebbe tornare ad attestarsi intorno all’1,5% annualizato verso la fine del 2012”. A catalizzare la crescita soprattutto la mossa aggressiva della Bce sulla liquidità, attuata nel suo primo step in dicembre. “Gli spread dovrebbero diminuire, i titoli azionari recuperare e dato
che le banche godono di maggiore accesso alla liquidità di Eurotower, sia in euro sia in dollari, la necessità da parte loro di vendere attività denominate in valuta estera diminuirà, cosa che lascia prevedere un ulteriore indebolimento dell’euro”. Allontanandoci dai confini europei, negli Stati Uniti i consumi privati favoriranno in qualche modo un miglioramento della crescita nel 2012, ma il debito pubblico potrebbe essere ancora un nodo da sciogliere che peserà sui bilanci fragili delle famiglie. Il tasso di risparmio statunitense resterà inferiore al 4% del reddito: un terzo rispetto a quello dell’Eurozona.

Capitolo Cina. La seconda economia al mondo, che in termini numerici ha prodotto più di un terzo della crescita globale l’anno scorso, ha subito un rallentamento nel secondo semestre del 2011 a causa dell’indebolimento dei mercati dell’esportazione. “Resta da vedere” concude l’analisi “se le autorità saranno in grado di dare un’altra spinta alla crescita attraverso l’investimento pubblico in infrastrutture e nel settore immobiliare nonché attraverso imprese statali”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, in Europa fusioni all’orizzonte

La blockchain entra in banca con we.trade

SocGen: “La fusione con UniCredit? Per ora non se ne parla

UniCredit, prove tecniche di fusione con SocGen

Barker (Ubs Am): “Opportunità tra le azioni italiane”

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

Diamanti in banca, UniCredit ai clienti: “Resta cu’mme”

UniCredit porta i certificati d’investimento al Fuori Salone

Deutsche Bank, voci di cambio al vertice

Certificati, la corazzata di Unicredit

Diamanti in banca, UniCredit rimborsa i clienti

Private, UniCredit rafforza Cordusio

Vendita di diamanti, le banche rimborsano i clienti

UniCredit affida il wm a Bizzozero

Foti (Fineco): “Così cambieranno il risparmio e la consulenza”

UniCredit recluta 550 giovani

UniCredit, assunzioni di giovani e prepensionamenti in vista

Mifid 2, le banche in ritardo nell’applicarla

UniCredit al lavoro sul Piano giovani

UniCredit, successo per i nuovi bond cuscinetto

UniCredit, cessione miliardaria di crediti deteriorati

UniCredit cede npl nell’Europa orientale

UniCredit cede Npl per 715 milioni

UniCredit e SocGen Securities Services alleate fino al 2026

UniCredit, balzo dell’utile nei primi 9 mesi

UniCredit, cessione di npl in Bulgaria

UniCredit ingaggia super manager in Cina

UniCredit, i top bonus si fanno in due

UniCredit corteggia Commerzbank

Certificati, sintonizzatevi con i CF Webinars

Seduta positiva per le maggiori banche italiane ed europee

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

Unicredit e Mediobanca sotto i riflettori a Piazza Affari

Ti può anche interessare

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

La società guidata da Ferdinando Rebecchi si lancia una iniziativa a sostegno dell’associazione i ...

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

JOHN CRYAN SPERA IN TASSI PIU’ ALTI – Non è più solo la Bundesbank a premere affinchè ...

iShares, Credit Suisse AM e King & Wood Mallesons discutono di Fintech a ForbesLIVE

Come stanno cambiando i servizi finanziari per effetto della sempre più pervasiva presenza della te ...