La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi11 luglio 2017 | 16:08

LA BREXIT PESA GIA’ SULL’IMMOBILIARE BRITANNICO – In attesa di vedere come andranno i colloqui tra la Gran Bretagna e gli altri paesi dell’Unione europea per definire come nel 2019 sarà attuata la “Brexit” (ed in particolare se questo passo comporterà la perdita del passaporto europeo, e dunque dell’accesso al mercato unico, per merci e servizi britannici o meno), i primi contraccolpi del processo di uscita del Regno Unito dalla Ue si iniziano a vedere ad un anno dal referendum che ha visto prevalere il partito di coloro che volevano lasciare l’unione.

QUOTAZIONI ECCESSIVE, MEGLIO I TITOLI SPAGNOLI – Gestori come quelli di BlueCrest Capital Management, infatti, stanno iniziando a ridurre la propria esposizione sulle società immobiliari e di costruzione britanniche come Intu Properties, Barratt Developments o Berkeley Group Holdings,  che trattano a loro giudizio a multipli eccessivamente elevati, preferendo investire, nello stesso settore, su nomi spagnoli come Inmobiliaria Colonial, Axiare Patrimonio Socimi, piuttosto che Lar Espana Real Estate Socimi, Neinor Homes o Hispania Activos Inmobiliarios Socimi, che dovrebbero beneficiare del graduale rialzo degli affitti, via via che l’economia iberica continua nel suo recupero dopo la crisi del 2008-2009.

GLI INVESTITORI SONO SEMPRE PIU’ PREOCCUPATI – Molte immobiliari e Reit trattano a livelli molto vicini a quelli a cui si trovavano un anno fa prima del referendum, fanno notare i gestori, ma nel frattempo molte cose sono cambiate e l’incertezza è aumentata anziché diminuire. Lo scorso autunno un investitore autorevole come Crispin Odey, specializzato in fondi hedge, aveva avvertito che la maggiore inflazione che sarebbe seguita al voto favorevole alla Brexit avrebbe potuto portare ad un calo anche dell’80% delle quotazioni dei titoli del comparto immobiliare e il fatto che ciò non sia ancora accaduto non deve in alcun modo essere inteso come un segnale rassicurante.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

Da Swiss Re a Generali, assicurativi aprono in ripresa in Europa

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Corea del Nord, i mercati non credono all’escalation militare

Borse europee aprono in leggero rialzo, occhio a Bce e Fed

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

La Bank of England non usa toni da “falco”, lima le stime su Pil e paghe

Sterlina in ripresa, borse caute in attesa della Bank of England

Saudi Aramco, sarà Londra la prescelta?

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

Julius Baer vola in borsa dopo i numeri della semestrale

Carmignac: sui mercati regna un ottimismo razionale

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Fca prova a far ripartire i diesel negli Usa

Aramco: troppo pochi investimenti nel settore petrolifero

Le precisazioni della Bce fanno ripartire borse e bond

Jp Morgan: sui mercati un eccesso di uniformità di vedute

Borse europee, una mattinata ricca di spunti operativi

Nomura: per gli investitori istituzionali la Borsa di Tokyo è destinata a salire

La BoJ non cambia idea, le borse ringraziano

Pictet AM: “Altri rialzi in vista per le borse”

Elezioni inglesi: conservatori in calo, governo in minoranza

Giornata ricca di appuntamenti per le borse europee

Qatar isolato dopo attentato londinese

Commerzbank propone prepensionamenti

Piazza Affari: indici in rosso, ma non è solo colpa della politica

Macron ha vinto, le borse perdono terreno

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

State Street: puntate su euro, bond e borse europee ma attenti alla volatilità

Euro, borse e bond in rialzo grazie ai risultati delle elezioni francesi

Elezioni francesi, evitato il peggio per i mercati

Lvmh: preconsuntivo trimestrale batte le attese, il lusso sta riaccelerando

Ti può anche interessare

Attica Bank pronta a dimezzare la sua esposizione ai crediti deteriorati

ANCHE IN GRECIA FARI PUNTATI SU NPE – Come in Italia e in Spagna, anche in Grecia il problema ...

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

BANCA CARIGE AUMENTA IL CAPITALE, VARA DISMISSIONI – Dopo aver perso quasi 2 miliardi di euro ...

Bce: per Credit Suisse aumento tassi sui depositi può precedere conclusione QE

CREDIT SUISSE: BCE POTREBBE ALZARE TASSI SU DEPOSITI – La Bce potrebbe ottenere un effetto mag ...