La paura della crisi subprime torna a Londra

A
A
A
di Ettore Mieli23 agosto 2017 | 09:11

A distanza di 10 anni lo spauracchio della crisi subprime torna a spaventare Londra. Provident Financial, società inglese specializzata in “prestiti a domicilio” per clienti sub-prime (quei clienti non in grado di accedere a prestiti bancari) è crollata in Borsa del 70% in un giorno, passando da 17 a 4,4 sterline per azione, dopo aver annunciato il secondo allarme utili in due mesi e annullato il dividendo semestrale per gli azionisti. Inoltre, l’a.d. Peter Crook ha dato le dimissioni.

A inizio estate la società aveva previsto un utile annuale di 60 milioni di sterline, mentre ieri ha dichiarato di aspettarsi perdite tra gli 80 e 120 milioni di sterline. Come mai? In molti puntano il dito a Crook e al suo modello di business improntato su software e innovazione. Il tasso di raccolta debiti è crollato dal 90% del 2016 al 57%, mentre la concessione di nuovi prestiti è scesa al ritmo di 9 milioni a settimana. E i prossimi mesi sono tutt’altro che rosei visto che con ogni probabilità anche il dividendo annuale sarà azzerato.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il fenomeno P2P lending? È una nuova crisi subprime

Ti può anche interessare

Bob Diamond compra una boutique finanziaria londinese: Panmure

ATLAS MERCHANT CAPITAL RILEVA PANMURE – A volte ritornano: Bob Diamond, ex numero uno di Barcl ...

Blueindex: giornata no per banche italiane e francesi

GAM HOLDING B RILLA A ZURIGO – Gam Holding si è messa in luce ieri sul Blueindex, chiudendo i ...

Tutte le priorità del consulente, la risposta Anasf al forum europeo

Quali sono le priorità per un consulente finanziario? Anasf partecipa alla tavola rotonda nell'ambi ...