La resilienza delle private bank svizzere

A
A
A
Private di Private29 dicembre 2017 | 10:15

A dire la sua questa volta è James Breiding. visiting scholar del Center for International Development della Harvard University. Anche lui ha preso carta e penna per scrivere Financial Times ed esprimere un’opinione sull’articolo apparso nelle scorse settimane sul noto quotidiano britannico e intitolato: “il declino delle private bank svizzere”, che aveva provocato una reazione dura da parte della sigla di categoria delle istituzioni finanziarie elvetiche. Secondo Breiding, parlare di declino è sbagliato. Piuttosto, c’è da stupirsi della resilienza delle private bank svizzere che, da quando sono entrate in vigore le norme contro il segreto bancario, hanno perso soltanto il 2% degli asset.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Risparmio gestito, record di profitti

Prospetti informativi, i fondi sotto accusa

La forza di Amundi

Ti può anche interessare

Hedge fund, la Cina mette il turbo ai rendimenti

I migliori hedge fund? Quest’anno sono stati quelli che investono in Cina. In media, secondo i dat ...

Private equity a gonfie vele

  Se le principali asset class finanziarie vivono una fase di incertezza, lo stesso non vale pe ...

Intermobiliare non lascia Piazza Affari

Banca Intermobiliare non sarà delistata. Questa è l’intenzione di Attestor Capital, società ...