La resilienza delle private bank svizzere

A
A
A
Private di Private29 dicembre 2017 | 10:15

A dire la sua questa volta è James Breiding. visiting scholar del Center for International Development della Harvard University. Anche lui ha preso carta e penna per scrivere Financial Times ed esprimere un’opinione sull’articolo apparso nelle scorse settimane sul noto quotidiano britannico e intitolato: “il declino delle private bank svizzere”, che aveva provocato una reazione dura da parte della sigla di categoria delle istituzioni finanziarie elvetiche. Secondo Breiding, parlare di declino è sbagliato. Piuttosto, c’è da stupirsi della resilienza delle private bank svizzere che, da quando sono entrate in vigore le norme contro il segreto bancario, hanno perso soltanto il 2% degli asset.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il declino delle private bank svizzere

Il “rinascimento” di Pimco

Financial Times: le private bank non tengono il passo

Ti può anche interessare

Kkr dice addio ad Alliance Healthcare Italia

Secondo quanto riferisce MF, l'operazione è già stata autorizzata dall'Antitrust e prevede la cess ...

Secondo trimestre d’oro per Carlyle

Il gruppo di private equity batte le stime degli analisti ...

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Il private banking di Citigroup punta sul Lussemburgo come headquarter europeo. Dopo aver esaminato ...