Private equity, la nuova Mecca è il Caucaso

A
A
A
Private di Private13 febbraio 2018 | 11:07

Kazakistan, Turchia o Ucraina? Ecco un interrogativo che potrebbero porsi in futuro diversi fondi di private equity. La pensa così Ramil Maharramov, managing partner della società di investimenti Tethys Investments, specializzata sui mercati euroasiatici. In un editoriale sul popolare blog statunitense Seeking Alpha, il manager ha fatto notare un dato:  gli investimenti nell’Asia Centrale, in particolare nell’area del Caucaso, rappresentano per adesso solo lo 0,1% degli asset globali del private equity in una regione dove la crescita economica viaggerà però al 7% nei prossimi 10 anni. Ecco perché la quota dei flussi finanziari verso l’Eurasia cresceranno in futuro.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Ubs punta sull’advisory board tutto al femminile

E’ tutto in rosa il comitato consultivo messo in piedi  da Ubs Wealth Management. Business ...

Financial Times: le private bank non tengono il passo

Un’analisi dei ritardi che caratterizzano buona parte delle private bank occidentali, in diffi ...

Aipb: masse servite a quota 763 miliardi di euro

Cresce il mercato italiano del private banking. Secondo l’indagine annuale dell’associaz ...