L’11 settembre 2001 e la crescita del mercato immobiliare americano

A
A
A
di Redazione 10 Giugno 2009 | 12:00
L’attacco alle Torri Gemelle a New York ha messo in mostra ancora una volta la grande capacità di ripresa della società americana, grazie a un ideale attorno al quale fare quadrato e a un nemico comune da combattere.

In uno dei momenti più drammatici della storia degli Stati Uniti, era necessario far vedere a tutti che nulla poteva mettere in ginocchio l’economia più potente del pianeta.
La Fed (Banca Centrale USA) ha, infatti, deciso di abbassare i tassi di interesse per aiutare le famiglie e l’economia; la voglia di rivincita economico-finanziaria, oltre che militare, ha dato il via a una serie di azioni mirate allo sviluppo e alla crescita.
Ottimismo e voglia di rivincita sono gli ingredienti di un mercato, soprattutto quello immobiliare, che vede una forte crescita tra il 2002 e il 2004.
Esplode, infatti, il debito delle famiglie americane sotto lo slogan: “una casa per tutti”, anche per chi non se la potrebbe permettere. I prezzi salgono alle stelle e le banche continuano a fare mutui facili, e anche John Smith da
San Francisco ne approfitta.
E se John non riesce a pagare?
Ci pensa la finanza creativa! Si iniziano a sentire parole fino ad allora sconosciute o quasi, come cartolarizzazioni e mutui subprime (mutui spazzatura).

Le cartolarizzazioni sono delle operazioni di “impacchettamento” attraverso le quali i mutui spazzatura vengono trasformati in strumenti fi nanziari “ABS” (Asset Backed Securities) che a loro volta vengono tagliati in tranches (inseriti in cosiddetti CDO: Collateralized Debt Obligations) più piccole e vendute ad altri operatori.
Chi ci capisce è bravo… delle sigle, comunque, è sempre meglio diffidare.

Tutti i giorni su Bluerating.com sarà possibile leggere “a puntate” il vademecum blu “Io non ci casco più!”. Lunedì 8 giugno è partita anche la newsletter mensile gratuita di educazione finanziaria “Io non ci casco più! News”, che sarà veicolata dal sito www.iononcicascopiu.it e avrà carattere informativo e divulgativo.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, un finanziamento per il “made in Italy”

Consulenti, ecco le banche-reti più “cattive”

Azimut, shopping nella dermocosmesi

NEWSLETTER
Iscriviti
X