Con Banca Cesare Ponti il private banking diventa totalmente 2.0

A
A
A
Daniel Settembre di Daniel Settembre 5 Febbraio 2013 | 13:53
L’istituto del gruppo Banca Carige ha lanciato ioPonti, innovativo strumento interattivo tra banca e cliente: il primo progetto di consulenza live a distanza nel private banking.

CONSULENZA 2.0 – La tecnologia continua a espandersi in quasi tutti i settori finanziari e non, rappresentando un’occasione imperdibile per una crescita che guardi al futuro. Proprio per questo Cesare Ponti, presidente di Banca Cesare Ponti e il suo amministratore delegato, Andrea Ragaini, hanno presentato il nuovo servizio ioPonti, il primo progetto di consulenza live a distanza nel private banking che coniuga la tecnologia con la relazione personale. L’app può essere utilizzata sia con il Pc, sia con l’Ipad e l’Iphone, scaricando l’apposita applicazione dal negozio virtuale AppleStore.

COME FUNZIONA – Con una grafica semplice e una struttura intuitiva, l’app consente di migliorare la relazione con il proprio private banker nella gestione del portafoglio. L’incontro avviene tramite una “teleconferenza”, che può essere effettuata da qualsiasi luogo, evitando scomodi spostamenti logistici. Nella sezione “agenda” il cliente prenoterà l’incontro indicando data e orario dell’appuntamento online. Il sistema di comunicazione permette di condividere, visionare ed evidenziare sul monitor del cliente documentazione economica e finanziaria, posizione titoli, analisi di mercato, studi, ecc…

LA VIDEOCHAT – La funzionalità di videochat dell’app permette inoltre di invitare agli incontri strutture specialistiche della banca come le gestioni patrimoniali o l’advisory e consente anche al cliente di beneficiare della consulenza del proprio commercialista o fiscalista, previo avvertimento al proprio private banker. In più su ioPonti il cliente potrà consultare news economico-finanziarie, studi di mercato e informazioni sulla banca

L’OBIETTIVO – Il servizio, come spiega lo stesso Ragaini in conferenza stampa, risponde a un trend evidenziato anche dagli ultimi dati di Aipb – Associazione italiana private banking – che mostrano come dal 2010 siano in diminuzione le visite del cliente presso la banca, mentre sono in crescita gli incontri presso il domicilio del cliente stesso. Con ioPonti l’istituto da una parte cercherà quindi di raggiungere anche clienti lontani dalle filiali,  dall’altra di aumentare la qualità del servizio e della frequenza della relazione.

GLI SVILUPPI FUTURI – “Dei nostri 3.900 clienti quelli che inzieranno a usare l’app fin da subito saranno circa il 5%-10%”, prevede Ragaini. Il futuro, si sa, va in questa direzione e lo sviluppo anche della firma digitale è dietro l’angolo: “Non ci sono ancora date precise”, ha sottolineato l’a.d. della banca, “ma cercheremo rendere la firma direttamente su iPad disponibile a breve”. L’app verrà in seguito estesa anche al sistema operativo android.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le sfide del private banking italiano

Il private banking per l’economia reale

Fondi alternativi per l’economia reale

Cinque nuovi ingressi in Aipb

Per le fiduciarie è l’ora del consolidamento

Il Private banking al fianco delle imprese

I portafogli dei ricchi scelgono le polizze

I paperoni scelgono la protezione

Invertire la piramide

Cresce la raccolta del private banking italiano

Torna il Forum del Private Banking

Mifid 2, serve sempre più ricerca

Aipb, salgono a 119 i soci

Finanza e imprese, Aipb chiede interventi al governo

Polizze vita, AIPB: “Nessuna rivoluzione”

Dal tradizionalista al distaccato: che cliente private sei?

Innocenzi (Aipb): “Il private banking, un settore in crescita”

Il private banking punta sugli alternativi

Aipb, Maria Antonella Massari è il nuovo segretario generale

Forum Aipb: il ruolo dei consulenti per sostenere la ripresa

Innocenzi è il nuovo numero uno di Aipb

Aipb, le sfide future del private banking

Banca Generali, Mossa chiama Ragaini per creare una nuova divisione di wealth management

Aipb: cambiare in scia ai nuovi orientamenti sulla retribuzione

Mps, al via la rivoluzione del private

L’Album della Finanza 2014: Bruno Zanaboni

Il private banker: dal sondaggio al Forum annuale Aipb

Zanaboni (Aipb): Bisogna ascoltare il private banker, non solo il cliente

Private banking, anche i clienti “upper” riscoprono il gestito

Aipb ci spiega il private insurance

Il private banking va oltre la crisi

Taddei sale sulla nave Ersel

Aipb – Ecco la mappa della ricchezza italiana

NEWSLETTER
Iscriviti
X