Intesa Sanpaolo Private Banking, l’utile 2012 balza del 64%

A
A
A
di Redazione 20 Marzo 2013 | 15:08
La banca, presieduta da Giampio Bracchi, ha registrato un risultato netto di 142,2 milioni di euro.

UTILE +64,3% Intesa Sanpaolo Private Banking ha chiuso il 2012 con un utile netto di 142,2 milioni, in crescita del 64,3% rispetto al 2011. Le masse amministrate della clientela sono cresciute di oltre 6 miliardi di euro a 72,8 miliardi (76,6 miliardi se si considerano anche le masse detenute presso altre banche del gruppo Intesa Sanpaolo), mentre i coefficienti patrimoniali si confermano al di sopra dei livelli minimi previsti dalla normativa: il Tier 1 e il Total Capital Ratio hanno raggiunto il 23% contro il 18% di fine 2011.

QUOTA DI MERCATO – La banca, presieduta da Giampio Bracchi, ha una quota di mercato del 17,4% del segmento private in Italia e del 20% se si considera la clientela con una soglia di ingresso pari al milione di euro di attività finanziarie disponibili.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fideuram ISPB, pandemia e polemiche

Consulenti, ai Caraibi con Fideuram ISPB

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

NEWSLETTER
Iscriviti
X