Costa eletto presidente di Enasarco

A
A
A
di Marco Muffato 15 Giugno 2016 | 09:39
Il nuovo cda insediato oggi ha nominato Gianroberto Costa alla guida della Fondazione. Il neo eletto, che si è avvalso dell’appoggio dei consulenti finanziari rappresentati dall’Anasf, dovrà risolvere i tanti nodi a cuore della categoria dei cf, a partire dal problema dei silenti.

ELEZIONE ODIERNA – Il Consiglio di amministrazione della Fondazione Enasarco, eletto mercoledì 8 giugno dall’Assemblea dei delegati, si è insediato oggi e ha eletto all’unanimità il nuovo presidente di Enasarco nella persona di Gianroberto Costa (nella foto). Nel corso della seduta sono stati eletti anche i due vice-presidenti: Giovanni Maggi e Costante Persiani. Il neo-presidente hai avuto l’appoggio dell’alleato Anasf, l’associazione dei consulenti finanziari presieduta da Maurizio Bufi. Toccherà a Costa risolvere i tanti nodi per dare un futuro sempre più solido ad Enasarco tra cui quello dei silenti (su questo tema va letta la sua intervista a Bluerating.com qui), argomento che sta molto a cuore alla categoria dei cf. 


IL CURRICULUM DEL NEO-PRESIDENTE
. Costa ha 64 anni, è sposato e ha una figlia. È dirigente sindacale Confcommercio e d’azienda. Dal 2006 è segretario generale di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza. Laureato in giurisprudenza, già pochi anni dopo gli esordi professionali, nella seconda metà degli anni 70, ricopre cariche di responsabilità per associazioni aderenti alla Confcommercio milanese. Nel 1988 diventa segretario generale di Anced, l’Associazione nazionale centri commerciali al dettaglio. Dal 1990 è componente della commissione ministeriale di esperti, prevista dalla legge 41/86 e incaricata di realizzare il piano di rinnovamento dei mercati generali e dei centri commerciali all’ingrosso nelle principali città italiane. 
All’inizio degli anni 90 partecipa, con il presidente di Confcommercio Francesco Colucci, alla costituzione della Compagnia Mercantile Spa, società costituita con i principali marchi distributivi per l’acquisizione del gruppo GS. È giornalista pubblicista dal 1995. Dal 1992 al 1999 è stato responsabile dei Rapporti istituzionali della Confcommercio milanese.  Nel 1999 partecipò con Marco Biagi al Tavolo, presso il Comune di Milano, per la stesura del Patto per Milano che fu firmato il 1° febbraio del 2000 e che promuoveva la realizzazione di servizi per l’impiego per fasce sociali a rischio d’emarginazione, collaborando alla realizzazione del Patto per lo sviluppo della Regione Lombardia. È stato segretario generale di Confcommercio Lombardia dal 2000 al 2009.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Conte (Anasf): “I consulenti finanziari vettori dello sviluppo”

Consulentia22, tutto sull’ultima giornata

Consulentia22: di nuovo in pista. Ecco la seconda giornata

NEWSLETTER
Iscriviti
X