Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

A
A
A

Secondo uno studio di Bankitalia, ripreso da Il Sole 24 Ore, i titoli tossici rappresentano un rischio per l’intero sistema che vale 6.800 miliardi di euro tra attivi e passivi. Si tratta di 12 volte l’ammontare dei crediti in sofferenza.

Chiara Merico di Chiara Merico8 gennaio 2018 | 11:10

SOFFERENZE IN CALO – A fine 2019 le sofferenze nette delle banche italiane si dovrebbero attestare a 42,5 miliardi di euro, in discesa per oltre 40 miliardi di euro nel triennio. Lo rivela il rapporto di previsione Afo 2017-2019 dell’ufficio analisi economiche dell’Abi, secondo cui “il rapporto tra crediti deteriorati lordi complessivi e prestiti (Npl ratio) è visto inferiore al 10% già da metà 2019. La redditività del settore bancario trarrà ovviamente beneficio dallo scenario. In particolare, si registrerà una riduzione dell’incidenza dei costi operativi sui ricavi e una rilevante flessione del costo del rischio”.

RISCHIO TOSSICO – Per le banche europee nel loro complesso, tuttavia, uno dei maggiori rischi è rappresentato dai titoli tossici. Lo riferisce uno studio di Bankitalia, ripreso da Il Sole 24 Ore, secondo cui nei bilanci degli istituti di credito europei c’è un rischio per l’intero sistema che vale 6.800 miliardi di euro tra attivi e passivi. Si tratta di 12 volte l’ammontare dei crediti in sofferenza. Eppure di titoli illiquidi (quelli che una volta venivano chiamati tossici e che sono catalogati in bilancio al «Livello 2» e «Livello 3») si parla molto meno, sebbene rappresentino un rischio altrettanto importante. Lo evidenzia con dovizia di particolari la ricerca della Banca d’Italia, precisando che non solo i titoli illiquidi sono opachi e complessi e potrebbero essere soggetti a shock di prezzo, ma potrebbero arrivare a scardinare i bilanci delle banche che li hanno in portafoglio. Basta un calo del 5% del valore dei titoli di «Livello 2» e «Livello 3», calcola infatti Bankitalia, per ridurre in media il capitale di migliore qualità (Cet1) delle 18 banche europee più esposte di 350 punti base, portandolo dal 14% sotto l’11%. E questa è solo una media: per alcune banche l’impatto sul Cet1 sarebbe pari a 1.470 punti base, mentre per altre solo pari a 70. I titoli illiquidi sono quelli che non hanno un mercato di riferimento e dunque non hanno un prezzo certo al quale iscriverli in bilancio. Le regole contabili delle banche dividono i titoli nei loro bilanci in tre categorie: quelli di «Livello 1» sono i liquidi, con prezzi riscontrabili sul mercato; quelli di «Livello 2» non hanno prezzi certi sul mercato ma hanno titoli simili quotati o comunque qualche indicazione diretta o indiretta che permetta di determinare un prezzo; quelli di «Livello 3» sono i titoli complessi senza alcun punto di riferimento, neppure indiretto, sul mercato, per questo sono invalutabili. Per iscriverli in bilancio le banche usano modelli matematici. Ed è proprio su questo aspetto che Bankitalia punta il dito: “I principi contabili lasciano alle banche spazio per interpretazioni e per fare scelte discrezionali su questi titoli – si legge nello studio -. Le banche hanno dunque l’incentivo a usare questa facoltà per distorcere il processo valutativo, con l’obiettivo che può variare da riconoscersi profitti incerti immediati fino a minimizzare gli aggiustamenti sul fair value anche in condizioni di estrema illiquidità”. Dato che il valore di questi titoli viene iscritto in bilancio a discrezionalità delle banche, le stesse possono avere gioco su come orientarsi. “Le banche – sottolinea via Nazionale –  sono incentivate ad usare questa discrezionalità a proprio vantaggio” e dunque “i profitti che emergono da certi titoli complessi dovrebbero più propriamente essere catalogati come premi per rischi nascosti”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Abi, ok ai tassi bassi

Bancari, il contratto deve affrontare i cambiamenti

Contratto dei bancari, quanti soldi chiedono i sindacati

Bancari, Sileoni spinge per il rinnovo del contratto

Banche, la rivoluzione è iniziata

Consulenti, rivolta contro il contratto ibrido

Spread, Abi lancia l’allarme

Consulenza: offrire “valore” al cliente

L’inutilità delle fusioni bancarie

Ing scatta sull’innovazione

Questionario Mifid 2, Bufi (Anasf) punzecchia Patuelli (Abi) su Twitter

Il presidente Abi a Mediolanum Channel: “Il questionario Mifid 2? Compilatelo da soli”.

Banche e assicurazioni, come cambia il mercato

Bancari, stipendi sempre più magri

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Sindacato e banche a confronto sulla rivoluzione del settore

Funding & Capital Markets Forum, big del credito a raccolta a Milano

Funding & Capital Markets Forum, super evento Abi a Milano

Bancari e consulenti finanziari, cresce l’ipotesi di un contratto unico

Abi, sofferenze in calo per le banche italiane

Banche, il governo apre alla lista Patuelli

Meno sofferenze per le banche italiane

ItAgile presenta DocuSign Payments: il nuovo modo di firmare e pagare in digitale

Banche, chiuse mille filiali dall’inizio dell’anno

Prospetti informativi, l’Abi sollecita la Consob: “Pubblicate la raccomandazione”

Patuelli (Abi): “Gli stress test sono astrusi”

Sistemi di pagamento, banche e Fintech: il mercato italiano

Patuelli (Abi): “Il bail-in è incostituzionale”

Sileoni (Fabi): “Pronti allo sciopero contro i licenziamenti nelle banche”

A Invest Banca il premio Abi per l’innovazione nei servizi bancari

Abi, sofferenze a 201 miliardi

Abi: primi otto mesi dell’anno positivi per prestiti e mutui

Abi, credito alle imprese in salita del 16%

Ti può anche interessare

Widiba, Milan l’è un gran roadshow

Passa per Milano il Roadshow di Widiba dedicato alla finanza comportamentale: 8 tappe in tutta It ...

Crédit Agricole, i conti del trimestre sono in chiaroscuro

L'utile dei primi tre mesi del 2019 è stato sotto le attese degli analisti a causa di oneri straord ...

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

Riprende a crescere la raccolta di Banca Mediolanum. Se a maggio ci eravamo lasciati con 259 milioni ...