Banche e reti, stipendi da favola

A
A
A

Nella classifica stilata da Milano Finanza, in testa ci sono i manager dell’industria e delle banche. Ma stipendi d’oro anche per gli ex Azimut Malcontenti e Mungo e buoni piazzamenti per Foti (Fineco), Doris (Meiolanum) e Albarelli (Azimut).

Andrea Telara di Andrea Telara9 aprile 2018 | 10:16

I manager dell’industria, delle banche e della assicurazioni guidano la classifica ma anche quelli delle reti e delle sgr non se la passano male. E’ quanto emerge dalla graduatoria dei dirigenti più pagati di Piazza Affari, secondo la classifica pubblicata sabato 7 aprile dal settimanale Milano Finanza, sulla base dei dati pubblicate dalle società quotate in borsa e relativi al 2017. Mentre Flavio Cattaneo di Tim ha portato a casa 26 milioni grazie alla liquidazione incassata prima di lasciare il suo incarico, al secondo posto tra i manager più pagati c’è  Sergio Marchionne di Fca con oltre 13 milioni di euro.

Nel settore finanziario arriva primo Carlo Cimbri di Unipol con quasi 4,5 milioni di euro lordi. Segue Carlo Messina di Intesa Sanpaolo che porta a casa ben 4 milioni di euro. Tra le reti, le società di consulenza finanziaria e di gestione patrimoniale, lo stipendio più alto nel 2017 è stato incassato dall’ex di Azimut Marco Malcontenti (2,47 milioni), influenzato però dagli emolumenti legati alle buonuscite. Stesso discorso per la sua collega Paola Mungo (ex co-ad) che ha incassato più di 1,8 milioni.

Tra gli altri top manager delle reti e delle sgr, il n.1 di FinaecoBank, Alessandro Foti,  ha incassato 1,08 milioni di euro lordi, Marco Carreri di Anima 1,48 milioni, Massimo Doris di Banca Mediolanum 1,35 milioni, Sergio Albarelli di Azimut 1,12 milioni, Gian Maria Mossa 912 mila euro, Paolo Martini di Azimut 724 mila euro. Per Ennio Doris, patron di Banca Mediolanum, il compenso è stato invece di 600mila euro.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Quando la consulenza è una questione morale

Dossier reclutamento: Allianz Bank FA

Mediolanum, consulenza caput mundi

Un tesoro chiamato IWBank

Oggi su BLUERATING NEWS: colpaccio Mediobanca, Fineco ottimista

Foti ai consulenti Fineco: non temete, nel 2019 guadagnerete di più

Banche Ue, le nuove norme affossano le pmi

Truffa diamanti, arriva il presidio davanti a Banco Bpm

Widiba, cresce la presenza nel Sud Italia

Widiba: la nuova ricetta della consulenza

Oggi su BLUERATING NEWS: rivoluzione BlackRock, allarmi incrociati

Scm Sim, la perdita triplica

Intesa Sanpaolo, le fondazioni calano gli assi

Consulenza, due contratti che sono due incubi

BlackRock-Varde, braccio di ferro per Carige

Unicredit, Allianz bussa alla porta

Intesa, pronta la lista per il cda

Sentenza Tercas-Popolare Bari: ora un cambio di rotta

Banche in crisi, UE con le spalle al muro

Credem al lavoro per l’innovazione aziendale

Fineco può crescere ancora

IWBank, tre gol per vincere il derby

Bancoposta? E’ il prodotto dell’anno

Bancari, nel nuovo contratto c’è lo stop alle pressioni commerciali

Mediolanum, cosa significa essere Wealth Advisor

Contratti bancari: più soldi, meno reperibilita’

UniCredit, così è cambiata (e cambierà) la rete

Consulenza e pricing, tariffe tutte da rifare

Banca Generali, la raccolta non molla mai

Banche, la rivoluzione è iniziata

Banca Ifis, Bossi si prepara all’addio

Banche e manager: rosa is not the new black

BlueAcademy: dalle basi dell’analisi grafica all’analisi algoritmica

Ti può anche interessare

Consulente finanziario, il totem della fiducia

Di chi possono fidarsi i risparmiatori oggi? I consulenti finanziari restano figure essenziali per c ...

Consulenti, ecco i dettagli delle prove valutative 2019

Nuovo anno, nuove sessioni... ...

Mediobanca: utile in calo, ma meglio delle stime

Nel primo trimestre (luglio-settembre) i ricavi sono in crescita del 7% a 638 milioni e il risultato ...