Banche e reti, stipendi da favola

A
A
A

Nella classifica stilata da Milano Finanza, in testa ci sono i manager dell’industria e delle banche. Ma stipendi d’oro anche per gli ex Azimut Malcontenti e Mungo e buoni piazzamenti per Foti (Fineco), Doris (Meiolanum) e Albarelli (Azimut).

Andrea Telara di Andrea Telara9 aprile 2018 | 10:16

I manager dell’industria, delle banche e della assicurazioni guidano la classifica ma anche quelli delle reti e delle sgr non se la passano male. E’ quanto emerge dalla graduatoria dei dirigenti più pagati di Piazza Affari, secondo la classifica pubblicata sabato 7 aprile dal settimanale Milano Finanza, sulla base dei dati pubblicate dalle società quotate in borsa e relativi al 2017. Mentre Flavio Cattaneo di Tim ha portato a casa 26 milioni grazie alla liquidazione incassata prima di lasciare il suo incarico, al secondo posto tra i manager più pagati c’è  Sergio Marchionne di Fca con oltre 13 milioni di euro.

Nel settore finanziario arriva primo Carlo Cimbri di Unipol con quasi 4,5 milioni di euro lordi. Segue Carlo Messina di Intesa Sanpaolo che porta a casa ben 4 milioni di euro. Tra le reti, le società di consulenza finanziaria e di gestione patrimoniale, lo stipendio più alto nel 2017 è stato incassato dall’ex di Azimut Marco Malcontenti (2,47 milioni), influenzato però dagli emolumenti legati alle buonuscite. Stesso discorso per la sua collega Paola Mungo (ex co-ad) che ha incassato più di 1,8 milioni.

Tra gli altri top manager delle reti e delle sgr, il n.1 di FinaecoBank, Alessandro Foti,  ha incassato 1,08 milioni di euro lordi, Marco Carreri di Anima 1,48 milioni, Massimo Doris di Banca Mediolanum 1,35 milioni, Sergio Albarelli di Azimut 1,12 milioni, Gian Maria Mossa 912 mila euro, Paolo Martini di Azimut 724 mila euro. Per Ennio Doris, patron di Banca Mediolanum, il compenso è stato invece di 600mila euro.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

BinckBank sfoggia un super utile operativo

Foti (Fineco): tre pilastri per vincere la battaglia sui margini

Fideuram Ispb: raccolta sì, utile nì

Mps, Morelli apre ad una alleanza

Banque Syz, Eric passa il testimone di ceo

Certifica, Bnp Paribas: mini future per tutti i gusti

Fineco, top entry in riva al lago

Cara rete, pensavi solo ai soldi?

Deutsche Bank FA, trittico d’autore

Oggi su BLUERATING NEWS: Masse boom per Banca Generali, la consulenza conquista l’impresa

Allianz Bank, gestito e vita per un 2018 da ricordare

Banca Generali, masse record e l’utile batte le stime

Mediolanum, la consulenza non s’inventa

Unicredit chiude in bellezza il 2018

Deutsche Bank PB, ingresso d’esperienza nel private bresciano

Intesa e Unicredit alla prova dei numeri 2018

Mediolanum, il tech dal volto umano

Oggi su BLUERATING NEWS: la private bank svizzera di Intesa, l’utile di Deutsche Bank

Poste Italiane, l’app Bancoposta controlla le tue spese

IWBank PI, scene da una convention

Intesa SP, nasce la private bank svizzera

Bnl Bnp Paribas LB: Rebecchi schiera l’11 post convention

La favola dell’Uomo Ragno bancario

Banca Mediolanum: il risk management diventa futuristico

Oggi su BLUERATING NEWS: i campioni 2018 di Assoreti, la fusione Unicredit-SocGen

Ubi Banca: ecco il calendario degli eventi societari

Consultinvest e Pir, avviso ai naviganti

Bnl Bnp Paribas LB: il consulente diventa patrimoniale

Consulenti: i nuovi orizzonti del business

Hypo Alpe-Adria Bank, la filiale italiana è in vendita

Banca Generali: la ricetta di Mossa per un ponte imprese-investitori

Italia, la grande gelata dei bond bancari

Allianz Bank FA: missione crescita

Ti può anche interessare

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Advisory evoluta e wealth management spungono i risultati del primo trimestre 2018 ...

Carige, corsa a due tra Unicredit e Ubi

La famiglia Malacalza dà il via libera alla ricapitalizzazione. Intanto i commissari lavorano per t ...

ConsulenTa19, Bufi: ai cf almeno un terzo dei ricavi

Le parole del presidente di Anasf ...