Consulenti: anticorpi del mercato contro il catenaccio

A
A
A
Andrea Giacobino di Andrea Giacobino19 aprile 2019 | 11:21

Più si avvicina il momento del verità, più la paura aumenta. È in arrivo infatti, il primo rendiconto “trasparente” attraverso il quale le banche e le reti di consulenti finanziari dovranno specificare ai loro clienti, in base alla direttiva Mifid 2, qual è stato l’effettivo costo del servizio di advisory. Il diavolo ci ha messo lo zampino perché le carte dovranno essere messe sul tavolo proprio alla fine di un anno, il 2018, che ha visto rendimenti negativi per quasi tutte le asset class; un periodo nel quale i clienti più fortunati hanno perso comunque ma in misura contenuta.

La paura prende forme strane: si parla di rendiconti lunghi decine e decine di pagine, di documenti inviati ai clienti come pdf allegati pesantissimi e che quindi non invogliano alla loro apertura e presa visione, di dati che si riferiscono sì al 2018 ma che si allungano anche al biennio precedente, anni nei quali i mercati sono andati decisamente meglio così come le performance. Nel frattempo l’industria si è mossa. Abi, Assoreti, Assosim e Assogestioni hanno fatto fronte comune e hanno chiesto alla Consob di fatto uno slittamento dei tempi dei rendiconti per proporre all’Esma, l’omologo su scala europea dell’authority italiana, l’avvio di un tavolo di lavoro al fine di fugare i dubbi sulla stesura dell’informativa. Così le associazioni hanno chiesto di inviare i rendiconti solo dopo aver ricevuto tutte le informazioni dai diversi produttori e aver effettuato le elaborazioni dei dati, cosa che richiede tempi tecnici. In tal modo, per usare un prima metafora, hanno messo il sedere davanti alla pedata.

La Commissione infatti, che pure non ha mai brillato per coraggio, ha espresso un “richiamo di attenzione sui costi e gli oneri connessi alla prestazione di servizi di investimento e accessori e agli strumenti finanziari”. Consob ha sostenuto che “le informazioni devono essere corrette, chiare e non fuorvianti e vanno rese in una forma comprensibile”. Già questo basterebbe a liquidare la tecnica del catenaccio delle associazioni, così cara al calcio italico, ma c’è dell’altro. I consulenti più bravi, e molti di loro sono quelli con portafogli più importanti, hanno capito che la Mifid 2 davvero cambierà le regole del gioco. E che forse le mandanti che li strapagavano ma che a fronte di ciò caricavano di costi elevatissimi il cliente, non hanno più tanto appeal nel mondo futuro degli investimenti dove la fidelizzazione verrà messa sempre alla prova dell’effettivo rapporto costi-benefici (rendimenti). Così molti di loro magari sceglieranno mandanti meno grandi e blasonate ma con business model più rispettosi del cliente, unico vero patrimonio di un cf. A dimostrazione che oltre al catenaccio, anche la melina non paga davanti agli anticorpi del mercato. E che vincerà chi sulla trasparenza andrà per primo all’attacco.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, basta obblighi sulla gestione separata Inps

Consulenti, quando il bonus è a rischio

Mifid 2, Italia studente modello

Fideuram ISPB, raccolta monstre a giugno

Consulenti, ecco la Face App delle reti

Enasarco, le dritte in vista delle elezioni

Consulenti, italiani stuzzicati dal risparmio gestito

Credem sempre pronta al bagher

Fee only, sfondata quota 200

Consulenti, le istruzioni per conquistare i Millennials

Rendiconti Mifid 2, ecco i documenti assicurativi di Azimut

Reti e mutui, ecco i più convenienti

Credem, ora ti aiuta Emily

Enasarco, un Anasf day per parlarne

Mediolanum, così parlò di Montigny al Fed

IWBank come il Milan di Sacchi

Azimut a Palazzo Mezzanotte, pronta per la nuova sfida

Consulente, per il cliente sei come Wikipedia

Consulenti, non piacete ancora abbastanza ai paperoni

Azimut, impennata degli afflussi

IWBank, give me five

Mediolanum, la raccolta trabocca di gestito

ConsulenTia19, i momenti Anasf a Bologna

Ocf, la campagna tutta digitale a misura di consulente

Federpromm: allarme immobiliare per le famiglie

Fee only, più della forma conta la sostanza

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Banca Generali, ora il consulente ha un’arma in più

Assoreti: a maggio tanta liquidità e poco gestito

Consulenti: CheBanca! porta i manager nella città dei sassi

Caso H2O, faccia a faccia di Natixis con le reti

H2O e Allegro, un fondo dai due volti

Consulenti: tale cliente padre, tale cliente figlio

Ti può anche interessare

J’accuse Anasf, Riva: “No individualismo, ora facciamo squadra”

Il componente del comitato esecutivo offre il suo contributo al dibattito generato dall’atto di ac ...

Nuovi Pir, Doris boccia il governo

L’a.d. di Banca Mediolanum: “Il mercato si è bloccato. Gli Eltif? Strumento adatto per retail e ...

Assoreti: parte la grande sfida della Mifid 2

I vertici delle reti di consulenza finanziaria si sono dati appuntamento al convegno milanese “Con ...