Consulenti: anticorpi del mercato contro il catenaccio

A
A
A
Andrea Giacobino di Andrea Giacobino19 aprile 2019 | 11:21

Più si avvicina il momento del verità, più la paura aumenta. È in arrivo infatti, il primo rendiconto “trasparente” attraverso il quale le banche e le reti di consulenti finanziari dovranno specificare ai loro clienti, in base alla direttiva Mifid 2, qual è stato l’effettivo costo del servizio di advisory. Il diavolo ci ha messo lo zampino perché le carte dovranno essere messe sul tavolo proprio alla fine di un anno, il 2018, che ha visto rendimenti negativi per quasi tutte le asset class; un periodo nel quale i clienti più fortunati hanno perso comunque ma in misura contenuta.

La paura prende forme strane: si parla di rendiconti lunghi decine e decine di pagine, di documenti inviati ai clienti come pdf allegati pesantissimi e che quindi non invogliano alla loro apertura e presa visione, di dati che si riferiscono sì al 2018 ma che si allungano anche al biennio precedente, anni nei quali i mercati sono andati decisamente meglio così come le performance. Nel frattempo l’industria si è mossa. Abi, Assoreti, Assosim e Assogestioni hanno fatto fronte comune e hanno chiesto alla Consob di fatto uno slittamento dei tempi dei rendiconti per proporre all’Esma, l’omologo su scala europea dell’authority italiana, l’avvio di un tavolo di lavoro al fine di fugare i dubbi sulla stesura dell’informativa. Così le associazioni hanno chiesto di inviare i rendiconti solo dopo aver ricevuto tutte le informazioni dai diversi produttori e aver effettuato le elaborazioni dei dati, cosa che richiede tempi tecnici. In tal modo, per usare un prima metafora, hanno messo il sedere davanti alla pedata.

La Commissione infatti, che pure non ha mai brillato per coraggio, ha espresso un “richiamo di attenzione sui costi e gli oneri connessi alla prestazione di servizi di investimento e accessori e agli strumenti finanziari”. Consob ha sostenuto che “le informazioni devono essere corrette, chiare e non fuorvianti e vanno rese in una forma comprensibile”. Già questo basterebbe a liquidare la tecnica del catenaccio delle associazioni, così cara al calcio italico, ma c’è dell’altro. I consulenti più bravi, e molti di loro sono quelli con portafogli più importanti, hanno capito che la Mifid 2 davvero cambierà le regole del gioco. E che forse le mandanti che li strapagavano ma che a fronte di ciò caricavano di costi elevatissimi il cliente, non hanno più tanto appeal nel mondo futuro degli investimenti dove la fidelizzazione verrà messa sempre alla prova dell’effettivo rapporto costi-benefici (rendimenti). Così molti di loro magari sceglieranno mandanti meno grandi e blasonate ma con business model più rispettosi del cliente, unico vero patrimonio di un cf. A dimostrazione che oltre al catenaccio, anche la melina non paga davanti agli anticorpi del mercato. E che vincerà chi sulla trasparenza andrà per primo all’attacco.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Widiba, che cinquina nel reclutamento

IWBank PI, la rete acquista peso

CF Webinar, tornano i certificati dopo la pausa estiva

Assoreti, a luglio raccolta e gestito sorridono ancora

Consulenza, Di Ciommo a tutto campo

Efpa Italia, ecco l’esame integrativo EIP – EFA

Consulenti, ecco la banca del 2029

Poste Italiane a caccia di giovani consulenti

Enasarco e il populismo della protesta

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Consulenti, occhio alle scadenze per Irpef e Irap

Consulenti, fatturare e guadagnare anche dopo la pensione

Credem, le persone prima di tutto

Widiba, una storia aperta

Consulenti e vigilanza, un agosto da bravi ragazzi

Cari consulenti, gli investitori stanno diventando più esigenti

Reclutamenti, IWBank PI cala l’asso in Friuli

Consulente sospeso diventa “wanted” come nel Far West

Giovani consulenti, un aiuto da Anasf

Un ex cf potrebbe guidare l’economia italiana

Consulenti, ecco tutte le app che vi possono aiutare

Bufi (Anasf) dice la sua sulla crisi di governo

Consulenti, ecco il segreto per non mollare

Consulenti, ecco 6 mercati da tenere d’occhio

Fideuram ISPB, il banker in stile millennial

I consulenti non sono con Salvini

Enasarco, la Santa Alleanza è pronta al ribaltone

Consulenti, così si diventa fedeli alla mandante

Consulenti, in ufficio c’è il caroaffitto

Per l’ex Widiba Cardamone c’è l’ipotesi Sia

Enasarco, la rabbia dei consulenti non si placa

Consulenti, tutta la fatica di essere un manager

Rendiconti Mifid 2: scelta strutturata per Allianz Bank FA

Ti può anche interessare

Fineco, raccolta con sprint anche a febbraio

La banca guidata da Alessandro Foti registra flussi netti positivi di 571 milioni di euro nel second ...

Una sola delibera e doppia radiazione di ex Finanza & Futuro

Coinvolti nel provvedimento il sig. Ugo Minolfi e la sig.ra Veronica Rossi ...

Rendiconti Mifid 2: Credem dà valore all’advisory

Prosegue lo speciale dedicato al tema dei rendiconti Mifid 2 delle principali realtà della consulen ...