“Così salveremo i Pir”, intervista al cf-deputato Giacomoni

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 6 Novembre 2019 | 09:54
Bluerating ha intervistato in esclusiva il primo firmatario della proposta di legge che punta a rimuovere i vincoli ai Pir e a far ripartire la raccolta

Far ripartire i Pir con nuovi incentivi e togliendo i vincoli introdotti solo un anno fa dal governo gialloverde. È l’obiettivo della proposta di legge del consulente finanziario Sestino Giacomoni, parlamentare di Forza Italia e vice presidente della Commissione Finanze della Camera. Bluerating lo ha intervistato sui contenuti di una bozza che sembra avere un appoggio trasversale tra le forze politiche e si propone di rianimare una forma d’investimento una volta florida.

Onorevole Giacomoni, la sua proposta di riforma dei Pir è arrivata all’esame della Commissione Finanze, di cui lei è vice presidente. Ci potrebbe spiegare i contenuti?

La proposta di cui sono primo firmatario, ma sottoscritta da tutti i colleghi di Forza Italia, parte da un assunto molto semplice: per indirizzare il risparmio privato nell’economia reale serve la leva fiscale. E con i Pir – prima che venissero modificati e sostanzialmente bloccati dal governo gialloverde – abbiamo visto che effettivamente meno tasse sui risparmi producono più investimenti nelle piccole e medie imprese.

Che riscontro ha avuto dai colleghi della Commissione?

Fortunatamente qualcosa sta cambiando. Già martedì ho registrato significative aperture dai colleghi del Pd e del M5S. Quando all’inizio urlavo “al lupo, al lupo!”, denunciando che le norme introdotte dal governo gialloverde mettevano a rischio la raccolta dei fondi da indirizzare alle PMI, venivo guardato con scetticismo. Quando poi anche i partiti di maggioranza hanno capito di aver sbagliato, qualcosa è iniziato a cambiare. Stiamo comunque parlando di uno strumento, i Pir, che in poco tempo ha permesso di indirizzare oltre 20miliardi di euro di risparmi delle famiglie, nell’economia reale.

Si tratta di un ritorno al passato, come auspicato dal presidente di Assogestioni Tommaso Corcos, oppure di un’evoluzione?

Di un’evoluzione, ma molto ancorata alle norme introdotte nel 2016, che comunque hanno permesso di raccogliere cifre importanti. L’obbiettivo di Forza Italia è far sì che con i tassi negativi e le tasse che crescono si possano far ripartire subito  i piani individuali e quelli istituzionali di risparmio incentivando fiscalmente le risorse che vengono investite nell’economia reale e in particolar modo nelle piccole e medie imprese.

Nel 2019, dopo la riforma voluta dal precedente governo, i Pir hanno subito pesanti deflussi. Cosa non ha funzionato?

Le orecchie. Basta prendere i resoconti parlamentari, le agenzie di stampa, i dibattiti nei talk show, per verificare quante volte abbiamo fatto presente al governo che con le loro modifiche si bloccavano i Pir. Non ci hanno dato ascolto e si è perso molto tempo, speriamo che non se ne perda dell’altro.

La speranza è che l’attuale maggioranza ed il nuovo ministro dell’economia non solo ascoltino le proposte serie e costruttive dell’opposizione, ma le approvino inserendole nel decreto fiscale, così da far ripartire i Pir sin dal primo gennaio 2020.

Il precedente governo si era riservato di ritoccare la normativa entro 6 mesi, in caso di risultati insoddisfacenti. La sua proposta, voluta fortemente anche dal suo partito, Forza Italia, pensa che potrà trovare sponde anche nella maggioranza?

Penso di sì. Anche se in politica spesso prevale la voglia di mettere bandierine su proposte che sono di altri, ho già avuto modo di dire in commissione finanze che a me interessa tutelare non il nome del proponente ma raggiungere il risultato e per questo sono pronto a trasformare la mia proposta in un emendamento al decreto fiscale. Affinché ciò diventi possibile serve che ci sia un parere favorevole della nuova maggioranza, che al momento sembra condividere questo percorso.

Se tutto andrà secondo i suoi piani, quali saranno i tempi di gestazione per vedere in pista la sua proposta?

Il mio auspicio è che si possa arrivare ad una soluzione condivisa già nel corso dell’esame del decreto fiscale in commissione, così da rendere operative le nuove norme già a fine anno, ma come sa io sono all’opposizione.

Per concludere: tra risparmiatori, risparmio gestito ed economia reale. Chi ha più bisogno dei Pir?

Tutti e tre. I risparmiatori hanno il vantaggio fiscale e la possibilità di sperare in rendimenti migliori, visti i tassi prossimi allo zero e ormai negativi sui conti corrente. Il mondo del risparmio gestito, facendo da link tra risparmiatori privati e piccole e medie imprese, farà utili, svolgendo, al tempo stesso, una funzione fondamentale per l’economia reale. Le imprese, in particolar modo le Pmi, infine riescono ad avere una fonte alternativa di finanziamento, direttamente dal mercato finanziario, in un momento in cui c’è una stretta del sistema creditizio da parte delle banche. Per questo possiamo dire che i Pir mettendo in sinergia i due punti di forza dell’economia italiana: il risparmio delle famiglie e le piccole e medie imprese, contribuiranno a far ripartire la nostra economia e quindi a far grande l’Italia. Per questo sono convinto che tutte le forze politiche, sia di maggioranza che di opposizione, collaboreranno in Parlamento per far sì che i Pir tornino presto ad essere collocati sul mercato, come prima, anzi più di prima, con l’obiettivo di raggiungere in meno di 10 anni i 150 miliardi di euro di raccolta, come è già avvenuto in altri paesi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Viva i Pir alternativi

Pir, la raccolta si impenna dal 2021. In pole c’è Mediolanum

I Pir e gli italiani si conoscono sempre di più

Pir, i prodotti che suonano la riscossa d’aprile

Il Pir è morto, evviva il Pir

Pir alternativi, è fatta

Un Pir con 5 euro al mese

Pir, sarà un 2020 da lacrime e sangue

Coronavirus, servono nuovi Pir

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

Pir, di nuovo sull’Arca

Nuovi Pir, il mercato si attende una El Dorado per le Pmi

Nuovi Pir, vacche grasse per le small cap

Pir, l’industria ringrazia per il passo indietro

Pir, via libera al cambiamento

Governo: Pir verso la revisione del vincolo

Dl Fiscale, tra gli emendamenti anche i Pir

Pir, accelerata per modificare la normativa

Pir, un consulente finanziario può rilanciarli

Pir, nel 2019 c’è chi ha guadagnato il 28%

Pir, la sfuriata di Doris

Pir, il governo studia un make up nella manovra

Pir, un 2019 indigesto

Pir, la spada di Damocle del nuovo governo

Pir, l’abisso di giugno

Requiem for a Pir

Banca Mediolanum è l’highlander dei Pir

Pir, un maggio da profondo rosso

Pir, i risparmiatori tagliano la corda

Pir 2, uno sguardo al futuro

Pir 2: bene ma non benissimo

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Habemus Pir 2: il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Ti può anche interessare

Investimenti green con Banca Generali

Sviluppato con l’advisory industriale di Ambienta Sgr, il nuovo comparto Alpha Green amplia la ga ...

Consulenti, boom delle polizze (a capitale garantito)

Tra gennaio e fine agosto, i prodotti del ramo I hanno raccolto 4,5 miliardi, il 24% in più rispett ...

Coronavirus, sportelli bancari da zona rossa

Quasi il 40% degli sportelli delle banche italiane è situato nelle cosiddette “zone rosse” ovve ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X