Bce, Sileoni (Fabi) attacca i favori concessi alle banche tedesche

A
A
A
Avatar di Redazione 6 Maggio 2020 | 10:35
Il segretario generale di Fabi: “Quattro anni fa alle banche tedesche sono state permesse operazioni vietate alle italiane”.
Il segretario generale della Fabi non è certo uno che le manda a dire. Ieri sera, infatti, durante la trasmissione “Fuori dal coro” in onda su Rete4 è andato all’attacco delle banche tedesche. Lo ha fatto in un momento in cui la discussione è particolarmente accesa, in seguito alla notizia di ieri riguardante la decisione dell’Alta Corte tedesca di chiedere alla Bce di spiegare, entro tre mesi e in modo ampio e dettagliato, le motivazioni del quantitative easing deciso dall’allora presidente Mario Draghi nel 2015 e così dimostrare che non fosse sproporzionato. Pena, l’uscita della Bundesbank dal piano di acquisti.
Sileoni ha battuto sul tasto dei favori che, secondo lui, sarebbero stati concessi alle banche tedesche negli anni precedenti: “Quattro anni fa la Banca centrale europea ha preteso la vendita dei prestiti deteriorati da parte delle banche con l’acquisto di quei crediti da parte di società specializzate nel recupero crediti e almeno la metà sono fondi stranieri”, ricorda Sileoni, “Ma il recupero di quei crediti avviene con modalità alquanto discutibili. Una banca avrebbe impiegato più tempo, ma alla fine avrebbe recuperato il cliente. Quando finisce in mano alle società di recupero crediti, invece, il cliente muore, perché deve pagare e basta: viene letteralmente strozzato, tant’è che abbiamo assistito a gente che si è tolta la vita. Alcune operazioni che sono state permesse alle banche tedesche non sono state permesse alle banche italiane».

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bce: è super Lagarde, ma occhio all’high yield europeo

Bce, contro la pandemia torna buono il bazooka

La Bce delude le attese, i mercati sprofondano

Banche, ecco le pagelle della Bce

Interessi negativi, euro botta da 25 miliardi per le banche

Bce, la Lagarde non tocca i tassi e continua il Qe

Le banche italiane aumentano la liquidità con il tiering della Bce

Bce, scatta il tiering

Bce, il commiato di Draghi

Draghi, l’ultimo ruggito: tasso depositi a -0,50%, torna il Qe

Banche, attacco alla Bce

Bce: banche, preparatevi all’hard Brexit

Eurobond, l’apertura di Lagarde

Bce, il bazooka spinge in borsa i titoli di banche e reti

La gufata del venerdì: la Bce ha il cannone scarico

Bce: tassi fermi ma serve sostegno

Nomine Ue, accordo per Lagarde alla Bce

Fed, Powell prepara il taglio dei tassi

Bce, Draghi rispolvera il cannone

Fed, i mercati si aspettano il taglio dei tassi

Bce, Draghi tira le orecchie al governo

Nuova Bce, Weidmann in pole

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Btp, rendimenti giù sull’onda Bce

Day after Bce, titoli bancari col fiato corto

La Bce defibrilla l’economia: tassi invariati e nuovi prestiti alle banche

Draghi: nubi sull’Europa

Banche italiane nella morsa Bce: diktat sugli Npl

Mercati globali, la Bce lancia l’allarme

L’italiano Enria guiderà la Vigilanza bancaria europea

Manovra, il governo cerca una difficile pace con la Commissione

Manovra, arriva anche la bastonata di Draghi

Banche, si avvicina il novembre nero

Ti può anche interessare

ConsulenTia20, i momenti certificati Efpa

Non manca molto a ConsulenTia20 l’appuntamento dedicato ai consulenti finanziari organizzato da  ...

Banche, quando il conto deposito lo fa lo stato

Il sottosegretario Mario Turco propone un conto deposito statale per finanziare le misure a sostegno ...

Banche, una leva da far paura

Torna la preoccupazione sui prestiti a leva. A lanciare l’allarme il Financial Stability Board ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X