Martini (Azimut): “BTp Futura, meglio pensarci due volte”

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia 10 Luglio 2020 | 13:45

E torniamo a parlare di BTp Futura e questo volta a dire la sua è Paolo Martini, amministratore delegato di Azimut.

Intervistato da Marco “Monty” Montemagno, alla domanda “Cosa ne pensi del BTp Futura?”, Martini ha risposto: “Il tema è delicato. Non so, tu presteresti i soldi ad un amico già molto molto indebitato? Noi continuiamo a fare debiti e prima o poi qualcuno questi debiti li deve pagare”.

Ricordiamo che questo strumento, destinato a finanziarie le diverse misure previste per il sostegno del reddito e la tutela del lavoro e al rilancio dell’economia nazionale, non è altro che un Titolo di Stato a durata decennale dove è previsto anche un premio fedeltà pari all’1% del capitale investito, che potrà aumentare fino ad un massimo del 3%, sulla base della media del tasso di crescita annuo del PIL nominale, per coloro che lo acquistano all’emissione e lo detengono fino a scadenza.

Come sottolinea Martini, il nodo della questione riguarda l’ammontare del nostro debito,  che “a fine anno potrebbe arrivare a 2.600/2.800 mld, una cifra monstre” e con il BTp Futura si andrebbe in qualche modo a “scommettere nel Paese nel suo complesso, dove ci sono ovviamente aziende buone e altre meno buone. Insomma, è un bel rischio”.

Diverse perplessità da parte del manager, che intravede nella scelta di “investire in singole aziende che si sono dimostrate virtuose con il connubio di strumenti di economia reale” una maggiore tranquillità per il singolo.

In poche parole, abbiamo un “caro amico”, la nostra amata Italia, a cui sicuramente vogliamo molto bene, ma che ha molti debiti e che vediamo essere ancora un po’ confuso su come intende risanare tali debiti…prestargli ulteriori soldi? Per Martini, “meglio pensarci due volte”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut punta sulla corporate finance

Martini (Azimut): “Essere Private Banker 3.0”

Azimut, ecco la scatola dei Pir

Azimut, un master per i nuovi wealth manager

Martini (Azimut): “Trasformate i vostri clienti in fan”

Azimut, la raccolta cresce con la spinta americana

Azimut ed Epic, doppio assist per l’Udinese

Consulenti, banche reti a prezzo di saldo

Banche e reti, nel 2020 è sempre domenica

Azimut, dieci regole per essere un consulente guida

Azimut Libera Impresa, affare modenese nella ceramica

Risparmio gestito, che forza Azimut e Mediolanum

Banche reti, potenze a confronto numero per numero

Banche reti, chi è già in pista con i Pir alternativi

Azimut: la raccolta va, tra Australia e alternativi

Azimut, più forza negli States grazie a Genesis

Reti e gestori: che cuccagna la performance fee

Consulente-terapista, per Martini (Azimut) questo è il futuro

Consulenti, l’ufficio è superato. Parola di Martini

Martini (Azimut) ha la soluzione per il denaro sprecato degli italiani

Azimut, Martini vuole la carica dei consulenti social

Giuliani (Azimut), la correzione e la regola di un terzo

Azimut, raccolta di fuoco e ritorno di fiamma

Azimut, un dividendo è per sempre e il reclutamento vola

Azimut si espande negli Usa con una fetta di Kennedy Lewis

Risparmio gestito, Generali stacca tutti. Morgan Stanley e Mediolanum inseguono

Perfomance fee, Azimut e il colpaccio di giugno 

Reti e remunerazione, promossi e bocciati per BlackRock

Azimut, impennata della raccolta

Top 10 Bluerating: Azimut campione delle Commodity

Azimut, arriva il fondo senza tasse

Pro capite, a maggio i migliori cf sono di Fideuram

Azimut, grande mossa sui Private Investment

NEWSLETTER
Iscriviti
X