Deutsche Bank: “Saremo la casa delle imprese europee”

A
A
A
di Antonio Potenza 2 Dicembre 2021 | 11:00

“L’Italia è il nostro secondo mercato di riferimento, dopo la Germania” dichiara Fabrizio Campelli, membro del consiglio di amministrazione di Deutsche bank dal 2019 e da maggio responsabile della banca d’investimento e della corporate bank in un’intervista a Il Sole 24 Ore.

Campelli dichiara anche che DB si sta evolvendo e che abbandonerà il modello “dare a tutti tutti i servizi”. La trasformazione lanciata dal ceo Christian Sewing nel 2019 pare stia procedendo in modo lanciato. “Gli ultimi risultati” dichiara Campelli “evidenziano i progressi fatti e l’accelerazione nel raggiungimento degli obiettivi”.

I risultati però vanno contestualizzati nella cornice pandemica. La trasformazione è stata annunciata infatti pochi mesi prima che la crisi sanitaria esplodesse e che le banche ne attutissero il colpo; non solo, bisogna tenere conto di un contesto di mercato che in deficit si è rialzato con una forte volatilità e adesso si affaccia al rischio di inflazione. “Ci aspettiamo che questo trend [il vantaggio dato da questi eventi alla banca d’investimento] si normalizzi a favore di business come Corporate Bank, Private Bank e asset management“.

E ancora, sottolinea Campelli: “Vogliamo essere una Hausbank per le imprese europee, grandi e piccole, con accesso a prodotti e servizi su una rete globale. L’investment bank è allineata a questa strategia: ci focalizziamo su mercati tradizionali  e corporate finance, M&A, capital markets, fied income e finanziamenti”.

Ma anche sul dente dolente della valutazione insufficiente in Borsa, Campelli è deciso e ottimista: “Db è valutata ancora relativamente meno rispetto ad altre banche, ma questo crea un’opportunità per gli investitori se si confronta lo sviluppo del nostro titolo rispetto allo European banking index“.

E per il futuro grandi aspettative: “La nuova era sta iniziando non solo in DB ma anche nel sistema bancario europeo. La ripresa post-pandemica e il cambiamento climatico sono due grandi sfide che ci aspettano”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X