Consulenti, attenzione ai “finfluencer”

A
A
A
di Redazione 24 Gennaio 2023 | 10:25

Più o meno a tutti, “scrollando” sui social, sarà capitato di imbattersi nei cosiddetti “influencer finanziari” o presunti tali. Sempre di più infatti, soprattutto nel ultimi tempi, anche l’austero settore della finanza è stato contaminato da queste figure, dando vita ai “finfluencer”. Alcuni di loro parlano in prima persona dei loro investimenti o piani di risparmio, mentre altri provano a mettersi nei panni di un vero e proprio consulente finanziario. In un campo dove la regolamentazione ancora scarseggia, il rischio è quello che i giovani e inesperti seguaci di questi profili possano essere indotti a compiere rischiose operazione di borsa.

A puntare i riflettori su un settore che sta diventando sempre più vasto è la Neue Zürcher Zeitung (NZZ). Se da un lato una maggiore fruibilità di informazioni, magari spiegate in modo semplice, presenta un grande potenziale, dall’altro i finfluencer attirano i loro follower con promesse a volte avventurose, e il loro modello di affari comporta il rischio di conflitti di interesse dovuti alla dipendenza dagli sponsor. Inoltre, la maggior parte è autodidatta in materia finanziaria, e nella realtà seguita da consulenti professionisti.

Ma visto il crescente aumento del comparto, e dato anche l’interesse che i giovani sembrano mostrare nel campo finanziario e degli investimenti, occorre senza dubbio pensare di normare in qualche modo la materia. In Francia ad esempio è in corso un’indagine demoscopica, sulla base della quale verrà elaborato un codice di condotta con diritti e doveri. Anche la Germania sta affrontando l’argomento: l’Autorità federale di vigilanza finanziaria ha messo in guardia dai consigli di investimento sui social. In Australia si arriva addirittura a punire i finfluencer – con una pena detentiva fino a cinque anni, nel caso di persone fisiche, o con multe milionarie, quando si tratta di società – se non richiedono una licenza per i servizi finanziari. In Svizzera non esistono requisiti normativi specifici per i finfluencer, ma stando alla Finma – l’autorità di vigilanza sui mercati – devono rispettare i requisiti per pubblicità, consulenza, nonché offerta di servizi e strumenti finanziari. Questo può anche includere l’obbligo di iscriversi all’albo dei consulenti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti