Promotori Finanziari – Alla larga dai budget di raccolta

A
A
A
di Redazione 28 Gennaio 2009 | 15:25
Budget di raccolta? No, grazie. E’ perentorio il parere di Mario Incrocci, responsabile nazionale della rete promotori di Mps Banca Personale, su questo argomento. Il manager spiega a bluerating i motivi di questo rifiuto. E perchè una rete di promotori non si può paragonare alla categoria dei medici…

La gran parte dei promotori si batte con le casi mandanti per costruire un quadro di riferimento comune, sostenendo il ruolo consulenziale e rigettando le campagne marketing sul singolo prodotto e sui budget di raccolta. Qual è la vostra opinione sui budget di raccolta?
I promotori hanno ragione: non si devono assegnare budget di raccolta. Nella nostra attività occorre sempre partire dal cliente, dalle sue esigenze, dai suoi obiettivi, dalle sue aspettative, e non certo dal prodotto. E poi c’è un altro aspetto di cui tener conto ed è il fatto che ogni professionista rappresenta una partita Iva, una micro azienda con un portafoglio clienti da gestire ed obiettivi individuali dipendenti dal territorio, dal potenziale e dal numero dei propri clienti, dalle capacità personali e, non ultimo, dalla propria ambizione.

La vostra rete fissa per i promotori dei budget di raccolta?
La nostra Banca non impone alcun budget, ma supporta i promotori per la crescita delle masse attraverso una serie di attività: organizzando riunioni con clienti potenziali ed acquisiti, sponsorizzando eventi sul territorio, fissando appuntamenti con clienti potenziali attraverso un call center. Come già detto, non vengono fissati budget ma concordati piani di lavoro singoli nei quali il promotore fissa i propri obiettivi e l’Azienda e le strutture manageriali danno i supporti necessari.

Quali sono i vantaggi di una simile strategia?

Il promotore è trattato da libero professionista ed è “auto-motivato” a costruirsi un obiettivo coerente con le sue aspirazioni ed il suo potenziale. Da che mondo è mondo è più produttivo seguire le proprie “visioni” che le imposizioni degli altri.

La vostra rete fissa per i promotori degli incentivi sul singolo prodotto?

Incentivi su singolo prodotto? E’ come se il Ministero della Sanità imponesse ai medici di prescrivere questo o quel medicinale. In Mps Banca Personale gli incentivi non sono legati, nella maniera più assoluta, a singoli prodotti e sono contrattualizzati nel mandato di agenzia. Il miglior incentivo per un promotore resta comunque la soddisfazione del cliente, perchè genera fidelizzazione e referenze.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mps, la raccolta netta recupera terreno

Mps la raccolta netta in crescita

Mps, raccolta netta a 11,99 milioni

NEWSLETTER
Iscriviti
X