Societe Generale, nuovi certificati StayUP, StayDOWN e Corridor

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia18 dicembre 2019 | 13:16

Societe Generale, banca leader nel mercato degli strumenti quotati e nell’innovazione di prodotto, rende disponibile su Borsa Italiana la seconda gamma di certificati emessi sulla base dei risultati dell’Osservatorio “SG SIAT Certificates Radar”, voluto da Societe Generale e realizzato in collaborazione con SIAT (Società Italiana Analisi Tecnica) per analizzare l’andamento di un selezionato numero di sottostanti attraverso gli strumenti dell’analisi tecnica. Si tratta di 24 nuovi Certificati StayUP e StayDOWN e di 21 nuovi certificati Corridor che sono disponibili sul SeDeX di Borsa Italiana.

L’Osservatorio ha raccolto e analizzato statisticamente i risultati emersi dal secondo sondaggio sottoposto agli associati di SIAT per conoscere le loro previsioni su supporti e resistenze a breve e medio periodo – fine marzo e fine giugno 2020 – in merito all’andamento di 12 sottostanti selezionati da Societe Generale: sei azioni (Assicurazioni Generali, Enel, ENI, Intesa Sanpaolo, Telecom Italia, Unicredit), due indici benchmark (FTSEMIB e DAX), due tassi di cambio (EUR/GBP e EUR/USD) e due commodities (Oro e Petrolio WTI Future).

Tenendo conto dei risultati dell’Osservatorio, Societe Generale ha quindi emesso 45 nuovi Certificati contrassegnati sul sito dal simbolo “SIAT”, le cui barriere sono state fissate in base ai livelli di supporto e resistenza individuati.

Costanza Mannocchi, Head of Exchange Traded Products in Italia di Societe Generale, ha commentato: “Siamo molto contenti della collaborazione con SIAT che ci sta permettendo di arricchire la gamma di certificati di Societe Generale con nuovi livelli di barriere in linea con le previsioni dell’analisi tecnica; in particolare, in base ai risultati del secondo osservatorio “SG SIAT Certificate Radar”, abbiamo deciso di emettere non solo certificati StayUP e StayDOWN, ma anche certificati Corridor per mettere a disposizione degli investitori ulteriori possibilità”.

La caratteristica principale di questi certificati (StayUP, StayDOWN e Corridor) è di rimborsare a scadenza un importo fisso (10 euro lordi) a condizione che, durante la vita del prodotto, il valore del Sottostante rimanga sempre al di sopra (per un certificato StayUP) o al di sotto (per un certificato StayDOWN) di una Barriera prefissata, ovvero, per un certificato Corridor, all’interno di un ‘corridoio’ delimitato da una Barriera Superiore e una Barriera Inferiore predefinite.

Questi certificati, dunque, presentano un profilo di rimborso che prevede due possibili scenari:

  • se durante tutta la vita del prodotto il valore del Sottostante non raggiunge o supera la Barriera (ovvero nessuna delle due Barriere per un certificato Corridor), l’investitore riceve a scadenza 10 Euro per ogni certificato detenuto;
  • se, invece, la Barriera (ovvero almeno una delle due Barriere per un Corridor) viene raggiunta o superata, il certificato si estingue immediatamente e anticipatamente senza corrispondere alcun importo e l’investitore perde tutto il capitale investito.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Societe Generale quota i nuovi Certificati StayUP e StayDOWN

Ti può anche interessare

Etf, sfatiamo i miti e guardiamo la realtà

Sono stati comunicati i risultati dell’edizione 2019 del Vanguard ETF Buyer Survey, un’indagine ...

Etf, Ubs AM punta sui titoli di stato

UBS Asset Management, con la quotazione dell’UBS ETF (LU) J.P. Morgan Global Government ESG Liquid ...

Etp, a giugno raddoppiano i flussi

 E’ stato pubblicato l’ultimo BlackRock ETP Landscape Report che illustra i trend dei f ...