Per iShares la crisi dei mercati equivale a boom di Etf

A
A
A
di Redazione 12 Novembre 2008 | 15:45
iShares ritiene che l’attuale turbolenza dei mercati stia favorendo la crescita del settore degli Etf e la maggior attenzione degli investitori a preoccuparsi della gestione dei rischi nel lungo periodo ciò gioverà a questi prodotti.

Lo scorso mese di settembre, i prodotti iShares quotati sui mercati europei hanno registrato una crescita del 67% nel volume di scambi che sono passati da 15 miliardi di settembre 2007 agli attuali 25. La media giornaliera di scambi a livello globale dell’intero mercato degli Etf, a settembre è più che raddoppiata, toccando quota 96,1 miliardi, a fronte dei 42 miliardi dello stesso periodo dell’anno precedente.

Attualmente iShares registra una diminuzione della propensione al rischio dei portafogli attuata sia attraverso un’esposizione verso indici di lungo periodo sia cercando di ridurre il rischio controparte. A settembre iShares ha raccolto soltanto in Europa 2,5 miliardi di euro e 11 miliardi da inizio anno, quasi raddoppiando i patrimoni rispetto allo stesso periodo del 2007, pari a 5,8 miliardi nei primi nove mesi dello scorso anno.

Andrea Morresi, responsabile vendite di iShares in Europa, ha detto: “Gli Etf rappresentano uno strumento ideale per gestire l’attuale fase dei mercati, offrendo trasparenza e flessibilità anche in circostanze eccezionali come quelle che stiamo vivendo. Le previsioni di crescita del settore, a livello globale, stimano patrimoni in gestione superiori ai mille miliardi di dollari nel 2009 e ai duemila miliardi nel 2012. Siamo convinti che queste stime siano fin troppo prudenti; i recenti avvenimenti una volta di più hanno evidenziato il bisogno degli investitori di trasparenza e controllo dei rischi”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X