Italiani appassionati del digitale

A
A
A
Avatar di Ettore Mieli 24 Ottobre 2016 | 15:00

I consumatori italiani accolgono positivamente la digitalizzazione e hanno alte aspettative nei confronti dei servizi digitali. Lo studio “Mastercard Impact of Innovation”, realizzato in collaborazione con Ipsos, ha analizzato la percezione degli Italiani nei confronti della digitalizzazione e dei suoi effetti sulla società in 23 Paesi in Emea fra cui l’Italia, indagando anche le preferenze personali per le tecnologie per i pagamenti digitali e per i nuovi sistemi di autenticazione.  Dall’analisi emerge che complessivamente oltre il 60% del campione intervistato si dichiara appagato dalla digitalizzazione, e che 8 italiani su 10 ritengono che i servizi digitali saranno sempre di più integrati nella vita di tutti i giorni.

“La nostra indagine ha rivelato che la fiducia e le aspettative degli italiani nei confronti del digitale sono fra le più alte in Europa”, commenta Paolo Battiston, Division President di Mastercard Italy & Greece. “I consumatori oggi si aspettano servizi e soluzioni di pagamento rapide, sicure e facili da utilizzare ovunque e in qualsiasi momento. Come Mastercard siamo in prima linea per  rispondere a queste esigenze e portare le tecnologie per i pagamenti anche su una vasta gamma di  nuovi prodotti e servizi”.

La fruizione tecnologica e i pagamenti digitali
In cima alla lista dei device più utilizzati, la quasi totalità degli italiani indica lo smartphone (95%), con utilizzo pari a 3,7 ore durante la settimana e a 4,1 ore nei week end. A seguire, i nostri connazionali utilizzano i laptop (78%), i PC (75%), le fotocamere digitali (71%), i router wi-fi (69%) e i tablet (62%).
Per quanto riguarda l’utilizzo dei device sia per lavoro che per svago, gli italiani preferiscono lo smartphone (59%), seguito dal laptop (19%), dai PC (18%), e dai tablet (4%).

Dove si richiede più innovazione?
Fra le categorie che gli italiani considerano maggiormente coperte da servizi digitali la ricerca evidenzia al primo posto il settore ospitalità/catering (per il 63% degli intervistati), seguiti dai viaggi (62%), e-commerce di beni di largo consumo (55%) e servizi finanziari (54%).
Fra i settori indicati che più necessitino di innovazione digitale i consumatori italiani indicano la pubblica istruzione (46%), seguito dalla sanità (35%), dai trasporti (34%) e dalle applicazioni legate al mondo del lavoro (25%).

Autenticazione digitale e sicurezza
Per quanto riguarda la procedure di autenticazione durante i pagamenti, i consumatori in Italia hanno espresso la loro preferenza nei confronti del riconoscimento biometrico tramite impronte digitali (per il 39% degli intervistati), seguito da codice via SMS durante la transazione (30%), PIN code (24%) e riconoscimento tramite selfie (7%).
La maggioranza dei consumatori italiani (61%) ritiene che le tecnologie biometriche siano le più rilevanti nel processo di autenticazione durante il pagamento, considerandole come le più innovative (63%), veloci (55%), sicure (54%) e semplici nell’utilizzo (50%), rispetto ai sistemi tradizionali di pagamento. Infine, il 35% del campione considera la biometria come il metodo di pagamento più trendy e al passo con i tempi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mps e Mastercard rinnovano la partnership

Mastercard guarda al futuro con le startup dedicate all’intelligenza artificiale

Veon integrerà Masterpass

NEWSLETTER
Iscriviti
X