Risparmio gestito – Quanto pesano le turbolenze del nord Africa

A
A
A

Neil Dwane, Chief Investment Officer Europe di RCM, una società Allianz Global Investors, illustra le possibili conseguenze sui mercati azionari dei disordini civili in Medio Oriente e Nord Africa.

di Redazione28 febbraio 2011 | 12:30

“Nonostante lo scossone iniziale a seguito della caduta del Presidente egiziano Hosni Mubarak, i mercati azionari hanno guadagnato e il prezzo del petrolio ha continuato a salire.  Dopo il 2008 sappiamo che se il prezzo del petrolio sale oltre la soglia di 100 Dollari al barile frena l’economia globale, producendo in particolare un impatto sulle economie asiatiche che utilizzano in modo meno efficiente l’energia.”

“Nel lungo termine, dopo un breve periodo di avversione al rischio, le conseguenze del cambio di regime in molti paesi e l’aumento del prezzo del petrolio (e il petrolio per il mondo reale conta più del carbone e del ferro) potrebbero portare a una rivalutazione del grado di interesse dei titoli di stato per due ragioni: l’aumento dell’inflazione su scala globale e l’enorme deficit di governo che dovrà essere ancora finanziato negli Stati Uniti, in Giappone e nell’Unione Europea. La percezione del rischio oggi può cambiare rapidamente mentre il fumo si dirada e ci troveremo di fronte a nuove sfide.”


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Comgest sceglie l’analista Hyuga

Etf, la tattica paga di meno

Asset allocation, lo stile di vita fa guadagnare

Axa IM sim, cambia il servizio non la sostanza

Il (vecchio) passivo è morto, evviva il (nuovo) passivo

Green Arrow Capital, due fondi e una piattaforma per gli alternativi

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fineco AM dà il cambio ad Amundi sui CoreSeries

Mondiali di calcio, vincerà la Germania. Lo dice il gestore

Syz mette su massa

Contenere il rischio è l’obiettivo

La raccolta ci mette l’Anima

Le stelle del Salone del Risparmio

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

La guerra dei fondi

Azimut prende Bocchin

Fondi, il vero (e oneroso) volto della raccolta

Il Pir nel target di Amundi

L’espresso di Ubs sul Sedex

Neuberger Berman in tour per i consulenti

Gam, un terzo delle masse in più

Fondi, rivoluzione Fidelity

ConsulenTia18/Gatti (Anima): “Vi presento Vespucci e Magellano”

Città globali, Los Angeles premiata da Schroders

BFC, benvenuto Asset Class

Quando l’Etf è un ingrediente del portafoglio

5 modi smart per utilizzare gli ETF Smart Beta

Fondi: puntare sul debito emergente con Pictet

Giri di valzer ai piani alti di Savills IM

Etf Securities: metalli industriali ed energia per il 2018

J.P. Morgan AM porta l’azionario europeo a Bologna e Milano

Mifid 2, anche Capezzone dice la sua

Pictet Asset Management, Roadshow invernale ai nastri di partenza

Ti può anche interessare

Anima, crescita a doppia cifra per utili e masse

La raccolta nei primi tre mesi dell'anno è stata positiva per 0,6 miliardi di euro. Le masse cresco ...

Franklin Templeton, roadshow ai nastri di partenza

Durante gli incontri verranno presentate le prospettive di mercato proposte dalla società e non sol ...

Tassi sale in Aberdeen Standard Investments

Il manager ricoprirà il ruolo di head of Italy Distribution. Il nuovo incarico si inquadra nell’o ...