Il consulente del futuro? Quello che saprà leggere un bilancio: parola di un ex big di Merril Lynch

A
A
A

A dirlo è Enrico Vergani, Vice President Financial Advisory Merrill Lynch e docente universitario. La traspaarenza delle informazioni è tutto, spiega, ma le aziende non amano l’apertura verso l’esterno, soprattutto se non sono quotate.

di Redazione13 novembre 2014 | 10:12

Incontro Enrico Vergani a margine di un suo intervento in Bocconi sull’’importanza dell’’analisi di bilancio. Ex Merrill Lynch Wealth Management, docente universitario, pubblicista, ora nei consigli di amministrazione di alcune aziende italiane, davanti ad un caffè’ mi confronto sulle dinamiche evolutive della consulenza finanziaria in Italia.

Lavori nel settore della consulenza finanziaria sui grandi patrimoni da ormai 15 anni. Cosa sta succedendo?
L’’aspetto più’ interessante che caratterizza il settore oggi e’ che le banche hanno smarrito il loro ruolo storico di fornitrici di carburante per il motore dell’’economia: l’’impresa privata. Prima erano loro a finanziare le idee degli imprenditori. Adesso, invece, mi sembra di aver letto che qualcuno vuole che la banca si metta a vendere tablet. Nessun rischio, margini bassi e nessun problema di compliance. Ho qualche perplessità’.

Quindi?
L’’humus imprenditoriale ha bisogno di capitali come prima e piu’ di prima. In mancanza dei fornitori storici, nell’’impresa sta maturando l’’orientamento al mercato dei capitali privati e il punto d’incontro tra domanda e offerta e’ quasi sempre il consulente finanziario.

Una nuova figura ma con che competenze?
Lo sforzo del mercato della consulenza finanziaria credo andrà’ nella direzione di incrementare la diffusione e il controllo sulla qualità delle informazioni cosi’ da migliorare l’’allocazione delle risorse: il denaro, infatti, tendenzialmente, dovrebbe andare nella direzione che offre migliori prospettive ovvero laddove si offrono informazioni accurate. Cio’ significa che chi sarà’ in grado di leggere e di giudicare un bilancio diventerà merce rara e meglio remunerata”.

Ostacoli?
Il punto e’ che chi investe dovrebbe avere una ragionevole fiducia nei confronti delle notizie e delle informazioni fornite, tuttavia le aziende non amano particolarmente la trasparenza e l’’apertura verso l’’esterno, soprattutto se non quotate.

Marco Mazzoni

Magstat Consulting


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, top e flop del 21/09/18

Fondi, top e flop del 19/09/18

Haxe guida per l’Europa di Investec AM

Doppietta di nomine per Jupiter AM

Una semestrale Mirabaudlante

Neuberger Bergman, arriva il fondo Clo Income

Pictet: biotecnologie, che forza!

Lombard Odier, una nomina per la svolta digitale

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Enasarco, arriva l’interrogazione parlamentare

Trimestre a tutta raccolta per T. Rowe Price

Candriam, sostenibili per vocazione

Dws, cambia la guida nel Sud Europa

Vontobel AM rafforza la squadra obbligazionaria

Fondi, fuga dagli emergenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Fondi, se resta solo la commissione di performance (o quasi)

Strategie multi asset per mantenere la rotta

Syz AM, un miliardo di motivi per sorridere

Fondi, la commissione di gestione è sotto pressione

Fidelity, you pay…less

Multi asset, una passione in evoluzione

SdR18/Bottillo (Natixis IM): “Attivi, what else?”

SdR18/Giorgi (Blackrock): “Il nostro Universe”

La raccolta ci mette l’Anima

Caso Vegagest, due ipotesi e un silenzio assordante

Assogestioni: Carreri vicepresidente con il nuovo budget

La guerra dei fondi

Asia più forte per La Francaise

Ti può anche interessare

Fiorini, la nuova guida degli investimenti di Ubi Pramerica

Fabrizio Fiorini assume la carica di Cio di Ubi Pramerica ...

La Financière de l’Echiquier, Arrighi a capo dell’Italia

Il manager proviene da Ethenea e ha iniziato la carriera nel 2000 come consulente finanziario di Bn ...

Le 3 strategie di Gam protagoniste dell’Equity Day 2017

Al GAM Equity Day 2017 tre gestori della società di asset management presentano i dettagli di altre ...