Pimco, la giusta via nel fixed income

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia 27 Marzo 2020 | 10:27

In un tempo di costante flusso di notizie e visioni di ogni sorta è importante distinguere la propaganda dal ragionamento logico, anche nel mondo dei mercati finanziari e del risparmio gestito. Di questo è convinto Alessandro Gandolfi (nella foto), managing director e responsabile per l’Italia di Pimco. Il mercato italiano rappresenta uno dei più importanti a livello europeo per quanto riguarda la distribuzione di prodotti di risparmio gestito su clientela privata e che quindi detiene una componente molto importante del cosiddetto amministrato.

Mercato interessante “Quello italiano è un mercato che ha un forte potenziale di crescita dato l’elevato livello di liquidità sui conti correnti”, afferma Gandolfi, “fattore che lo rende ancora più interessante per qualunque asset manager e soprattutto per chi come noi è presente sul mercato da diversi anni”. In questo particolare periodo storico-economico, Pimco si configura come una voce fuori dal coro, essendo operatore specializzato nel fixed income con un focus sulla gestione attiva, due aspetti che, dai vari report e outlook, vengono considerati come potenzialmente in crisi. “Bisogna distinguere la propaganda dal ragionamento”, sottolinea il country head, “ed è per questo che noi troviamo le opportunità in quello che viene visto come difficoltà. Per esempio, attualmente i trend affermano che gli investitori si stanno dirigendo verso la gestione passiva, la quale però sappiamo essere necessariamente legata ad alcuni benchmark e la cui componente di rendimento negativo nel tempo sta continuando ad aumentare. A questo punto l’investitore che vuole trovare opportunità di rendimenti positivi dovrà spostarsi dalla propria comfort zone, che tipicamente è l’area dei titoli governativi, alla ricerca di nuovi segmenti del reddito fisso”.

Volatilità e opportunità Il punto di forza di Pimco è quindi quello di essere un gestore globale specializzato nel reddito fisso che riesce a intercettare quei segmenti che ancora oggi offrono valore, sfruttando anziché subendo la volatilità, come invece sono costretti a fare i gestori passivi.
Pimco è da sempre in prima linea nel lancio di nuovi trend di mercato nel settore dell’obbligazionario ed è stato pioniere nell’integrare i fattori Esg nelle proprie strategie d’investimento.

Orientamento all’Esg “La sostenibilità svolgerà un ruolo sempre maggiore in tutti gli aspetti della nostra vita e il settore finanziario ha la responsabilità e la capacità di sostenere e promuovere un cambiamento positivo. Siamo onorati di essere sponsor del primo premio fotografico italiano dedicato ai temi Esg, l’Italian Sustainability Photo Award, perché riteniamo che possa contribuire a sensibilizzare maggiormente l’opinione pubblica sui temi e sulle opportunità che possono derivare dalla scelta di investimenti sostenibili”, conclude Gandolfi.

Articolo tratto dal mensile BLUERATING. Sfoglia BLUERATING online  

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Generali e Poste Vita nel business dei centri commerciali

Un affare da 300 milioni di euro per Generali e Poste Vita, che si alleano per investire nel futuro ...

Investimenti, il petrolio fa paura

Siamo di fronte allo scenario peggiore dagli anni ‘30. Lo sostiene François Rimeu, senior strateg ...

Asset allocation: dopo il rally è tempo di protezione

Cari consulenti, dopo lo sprint di inizio è state è tempo di correre ai ripari. Ce lo spiega un co ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X