Mercati, il 2021 dell’immobiliare

A
A
A
Avatar di Redazione 1 Dicembre 2020 | 15:50

Logistica, supermercati e residenziale specializzato presenteranno le opportunità di investimento più interessanti in Europa nel 2021, secondo Savills Investment Management (Savills IM), il gestore internazionale di investimenti immobiliari.

Il report Outlook 2021 di Savills IM intitolato “Building resilience in global real estate portfolios”, mette in evidenza che la logistica sta emergendo come un settore vincente e l’interesse da parte di operatori e investitori resterà alto. Molto bene anche il retail alimentare, che ha mostrato la sua resilienza durante il lockdown e si sta riorganizzando per andare incontro alle nuove tendenze di acquisto e consolidare ulteriormente la propria posizione. Infine, i settori appartenenti al residenziale specializzato stanno attirando l’attenzione degli investitori grazie ai favorevoli fondamentali di lungo periodo.

Il nuovo sondaggio1 incluso nel report rileva che il 59% degli investitori immobiliari si aspetta che il mercato europeo degli investimenti si riprenderà già nel 2021. Il 45% degli investitori ritiene inoltre che gli investimenti immobiliari aumenteranno nei prossimi 12 mesi rispetto ai precedenti 12 mesi, mentre il 25% crede resteranno stabili.

Andreas Trumpp, Head of Research, Europe, Savills IM, commenta:

“Il nostro sondaggio mostra che gli investitori sono fiduciosi per il 2021 e i recenti annunci sulla disponibilità di vaccini per il Covid-19 potrebbero accelerare la ripresa, elevare la fiducia degli investitori e far ripartire gli investimenti cross-border.”

“La pandemia ha chiaramente causato molteplici sconvolgimenti nell’economia e nei mercati immobiliari commerciali. Ciononostante, nella ricerca di nuove opportunità, gli investitori dovrebbero abbracciare le tendenze strutturali che stanno accelerando proprio a causa del Covid-19.”

Con riferimento all’Italia, Cristiano Ronchi, Managing Director Italia, Savills IM SGR, evidenzia i temi chiave analizzati nel report Outlook 2021 di Savills IM:

La logistica resterà l’asset class preferita dagli investitori

La logistica rimarrà la nota più positiva all’interno del panorama immobiliare italiano. Il settore è caratterizzato dalla mancanza di spazi moderni e di qualità ed è trainato da una solida domanda sostenuta dall’e-commerce. I principali hotspot rimangono nel Nord Italia, in particolare a Milano, Verona, Bologna, ma anche Roma. La domanda di logistica di ultimo miglio è in forte espansione, anche se non è facile trovare opportunità per costruire un portafoglio di dimensioni significative. C’è anche un crescente interesse per la logistica del freddo.

Retail, i segmenti food e discount si dimostrano resilienti

Per quanto riguarda il retail, il settore alimentare si è dimostrato notevolmente resiliente durante il lockdown, e la risposta dei consumatori, delle catene alimentari e degli investitori è in forte crescita. La ripresa dell’High Street dipende dal ritorno del turismo internazionale; ci aspettiamo in futuro meno negozi ma più grandi, con un’enfasi sul formato show-room. In questo contesto, i formati devono adattarsi alle nuove tendenze e trovare le soluzioni più adatte a soddisfare le mutate esigenze dei consumatori.

Residenziale specializzato in forte crescita

L’interesse degli investitori in settori appartenenti al residenziale specializzato è in crescita costante da qualche anno. In particolare il senior living, in tutte le sue declinazioni, le residenze per studenti ed il micro-living in affitto rappresentano un’opportunità nuova per molti investitori, attratti non solo da rendimenti stabili ma anche dalle caratteristiche anticicliche o almeno non correlate ai macro-trend economici. Crediamo che il settore trainerà il real estate nel prossimo decennio, grazie ai solidi fondamentali di lungo periodo, tra cui le dinamiche favorevoli di domanda e offerta, trend demografici positivi e i cambiamenti di stile di vita.

1Fonte: Ricerca condotta per conto di Savills Investment Management da PollRight su 122 investitori istituzionali nell’ottobre 2020. Gli investitori provenivano da un database globale incentrato su Nord America, Regno Unito ed Europa continentale, e detenevano un AUM medio di 18,9 miliardi di sterline (25 miliardi di dollari) in investimenti immobiliari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, l’immobiliare tiene duro

Top 10 Bluerating: Bmo al top nell’immobiliare

Fisco, miniera d’oro dal mattone

NEWSLETTER
Iscriviti
X