Fondi comuni – tra fallimenti e speranze

A
A
A
di Roberto Dotti 15 Dicembre 2008 | 12:30
Il neo presidente eletto Obama è fiducioso nel trovare un aiuto, almeno temporaneo, per il settore automobilistico americano dal momento che molti posti di lavoro sono legati ad esso. E intanto è scoppiato il caso Madoff.

L’analisi dei migliori e peggiori comparti inclusi nell’area azionari America vede il fondo MS Us Property Fund in vetta alla classifica nella settimana che va dal 03 al 11 dicembre con una performance positiva del +21,3%.
Il comparto, lanciato nel gennaio 1996, gestisce un patrimonio di 93,7 milioni di dollari e ha registrato una performance YTD negativa -43,8% contro una performance a 3 anni del -20,1%.

Il benchmark di riferimento è il FTSE EPRA/NAREIT Equity REITs Index.
Il comparto investe in azioni di società appartenenti al settore immobiliare statunitense. Il comparto intende investire in valori mobiliari commercializzati presso il pubblico ed emessi da fondi azionari chiusi statunitensi denominati “Real Estate Investment Trusts” (“REITS”) (fondi di investimento immobiliare) e da entità similari, definite “Real Estate Operating Companies” (“REOCS”) (società operative immobiliari). REITS e REOCS sono società che acquisiscono e/o sviluppano proprietà immobiliari allo scopo di effettuare investimenti a lungo termine.

Esse investono la maggior parte della propria attività direttamente in beni immobili e ricavano le loro entrate principalmente dai canoni di locazione. Nel selezionare i valori mobiliari ai fini dell’investimento, il comparto considererà fattori quali la natura, la qualità, la commerciabilità e l’idoneità ad essere locati dei beni immobili rappresentati, nonché la qualità dei conduttori e degli amministratori delle società.

La situazione di Chrysler e GM è drammatica poichè nelle prossime settimane dovranno pagare fatture per 9 miliardi di dollari e difficilmente riusciranno a farvi fronte senza aiuti esterni.

Quello che spaventa di più nelle ultime ore è il fallimento del fondo Madoff che per ammontare del buco generato è ancora più grave di quello che colpì Lehman Brothers.
Il problema è nato quando sono stati richiesti rimborsi per un ammontare pari a 7 miliardi di dollari a cui il fondo non avrebbe potuto far fronte. Infatti fino ad allora il fondo rimborsava i vecchi clienti con i fondi dei nuovi investitori. Ma ora la bolla è scoppiata e anche chi ha ricevuto i rimborsi, secondo la legge americana, dopo che Madoff era tecnicamente fallito dovrà restituirli. Ciò significa che le conseguenze di questo fallimento coinvolgeranno numerose persone e fondi istituzionali.

I MIGLIORI FONDI AZIONARI DAL 03/12 AL 11/12

Valuta fondo percentuale
USD MS US PROPERTY FUND 21,38%
EURO MLIIF US FOCUSED VALUE FUND 12,87%
USD MS US EQUITY GROWTH FUND 12,22%
USD MLIIF US SMALL CAP VALUE FUND 10,13%
USD JP MORGAN INVESTMENT FUNDS US DYNAMIC SMALL CAP FUND 9,14%

I PEGGIORI FONDI AZIONARI DAL 03/12 AL 11/12

Valuta fondo percentuale
EURO SISF US LARGE CAP EUR -7,57%
EURO SISF US SMALL & MID CAP EQUITY EUR -5,65%
EURO UBS (LUX) KEY SELECTION SICAV – US EQUITIES -4,49%
EURO MELLON S&P 500 INDEX TRACKER -4,32%
EURO BDB US STOCK FUND -4,17%

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti