Fondi immobiliari: un nuovo orizzonte sereno

A
A
A

Inizia bene l’anno 2009 per il mercato dei fondi immobiliari. A sostenerlo è soprattutto l’operatività dei fondi e le continue compravendite, che sembrano aver avuto un’impennata negli ultimi mesi.

di Marcella Persola15 gennaio 2009 | 10:30

Buone notizie sul fronte immobiliare. Seppure il 2008 sia stato un anno difficile per il mercato dei fondi immobiliari, gli ultimi mesi e anche le prime settimane di gennaio hanno testimoniato un’inversione di tendenza. Sono riprese infatti le compravendite di immobili soprattutto da parte dei fondi.

A sottolinearlo è anche il report sui fondi immobiliari chiusi elaborato da NoRisk che mette in evidenza che l’inizio del 2009, tra scambi contenuti, ha visto il rialzo marcato dei fondi risultati peggiori durante l’anno precedente. In particolare appare insolito il forte rimbalzo registrato da Obelisco (+12,1%) ed Europa Immobiliare 1 (+6,4%) dopo un 2008 molto negativo. Il mercato insomma sembra scommettere moltosui processi di vendita che hanno interessato in quest’ultimo periodo i fondi.

Ad esempio si appressa l’attivismo che ha caratterizzato FIMIT SGR. La società di gestione guidata da Massimo Caputi ha portato a termine infatti due importanti operazioni. Si tratta in particolare dell’ operatività del fondo Omega, avvenuta grazie al fatto che nel fondo sono confluiti i 284 immobili che facevano parte del patrimonio di IMMIT, quella che in origine doveva essere la prima SIIQ della galassia Intesa Sanpaolo. Il valore dell’operazione è stato di circa 850 milioni e l’apporto degli immobili nel fondo è avvenuto contemporaneamente al trasferimento del 70% delle quote di fondo Omega agli investitori istituzionali che precedentemente avevano sottoscritto l’equity del fondo.

Secondariamente FIMIT ha apportato 72 immobili di UniCredit con un valore di mercato di 930 milioni al fondo Omicron Plus. Come per l’operazione precedente anche in questo caso l’apporto di immobili ha segnato l’inizio dell’operatività del fondo. Ma anche Beni Stabili non è stata da meno. La società guidata da Aldo Mazzocco e facente parte del gruppo Fonciere des Region ha compiuto diverse operazioni tra Roma e Milano. Così come RREEF Fondimmobiliari SGR che ha ceduto un immobile del fondo Valore Immobiliare Globale.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Beni Stabili, Marion Pignol nuova chief corporate officer

Beni Stabili si mette in luce a Piazza Affari, anche grazie a Citigroup

Beni Stabili cede a Luxottica un immobile in centro a Milano

Beni Stabili cede il 40% della sua Sicaf immobiliare

Beni Stabili prende un portafoglio di immobili dal Creval

Banca Finnat cede partecipazione in Revalo a Beni Stabili

Piazza Affari azzera il rialzo iniziale, Beni Stabili sottotono

Beni Stabili, Del Vecchio si riporta allo 0,17%

Banca Widiba-Beni Stabili, al via il contratto di locazione a Milano

Beni Stabili strappa al rialzo, beneficia scenerio tassi

Sta per nascere nuovo polo italiano?

Beni Stabili, via al collocamento di bond equity linked per 50 milioni

Real estate, Beni Stabili cede il 12% di Beni Stabili Property Service a Fondazione Crt

Beni Stabili, l’Imu manda in rosso i conti 2012

Immobiliare, Beni Stabili deconsolida l’attività

Fondi immobiliari, Beni Stabili lancerà nuovi comparti

Beni Stabili, accolto ricorso su contenzioso Comit

Beni Stabili Sgr cede un immobile a Milano

Fondi – Beni Stabili Sgr chiude il collocamento di Spazio Sanità

Beni Stabili Siiq, novità a Milano

Beni Stabili, countdown per la SIIQ

Beni Stabili, vende palazzo locato a Prada

Beni Stabili riqualifica il complesso Garibaldi

Beni Stabili, utile netto a 32 milioni

Del Vecchio socio di Beni Stabili al 4,267%

Real Estate – Beni Stabili, il risultato di gestione cresce

Beni Stabili, perdita netta di 51,5 milioni nel 2009

Real Estate – Beni Stabili chiude l’anno con vendite per 38 milioni

Real Estate- Beni Stabili l'utile cala a 36 milioni

Beni Stabili, due operazioni tra Roma e Milano

Beni Stabili, l'utile netto segna +10%

Immobiliare sotto la lente: dopo IPI si aspetta Beni Stabili e Gabetti