5 azioni europee che è meglio vendere

A
A
A
di Redazione 24 Aprile 2015 | 07:09

Ecco, secondo gli analisti di Société Générale i titoli che sarebbe meglio evitare.

L'alta volatilità dei listini europei, in attesa di conoscere il destino di Atene, ha messo sotto stress le valutazioni, scrive Milanofinanza.it, ma non ha incrinato la fiducia degli investitori sulla ripresa economica. Ecco, secondo gli analisti di Société Générale i titoli che meritano il rating buy e quelli da evitare.

1. GlaxoSmithKline
Target price di 1.550 pence, inferiore dalla quotazione attuale di 1581, per il gruppo farmaceutico da 77 miliardi di sterline di capitalizzazione, guidato da Andrew Witty. Dopo l’accordo con Novartis, GSK si sta focalizzando in tre aree: farmaci, vaccini e prodotti di consumo. Sebbene questa strategia permetta di migliorare la visibilità a lungo termine, il profilo di crescita di GSK resterà inferiore alla media di settore, con l’utile per azione (eps) stimato in aumento al ritmo (cagr) del 6% fra il 2015 e il 2020, contro il 9% dei competitor, a causa della mancanza di prodotti di grande successo in rampa di lancio. Il p/e scende da 18 nel 2015 a 17 nel 2016, mentre il dividend yield è superiore al 5% in entrambi gli esercizi. Negli ultimi 12 mesi il titolo ha registrato un total return del 7%.

2. Novo Nordisk
Gli analisti hanno iniziato la copertura della società farmaceutica danese assegnandole il rating sell (vendere) con un prezzo obiettivo di 350 corone, inferiore alla quotazione attuale di 382. Il punto di forza è nel settore del diabete, ma le prospettive a lungo termine del gruppo in questo business sono più deboli delle aspettative di mercato. Non giustificano quindi un premio di valutazione del titolo rispetto alla media dei competitor, dopo la notevole performance già realizzata. Il p/e scende da 33 nel 2015 a 29 nel 2016, mentre il total return a un anno è 64,6%. Il rendimento della cedola è trascurabile, perché intorno all’1%.

3. Diageo
Prezzo obiettivo di 1.850 pence, contro una quotazione attuale di 1.870, per il colosso delle bevande famoso per il marchio Guinness, che ai livelli attuali è sopravvalutato rispetto ai concorrenti. Nel Nord America (40% degli utili consolidati) l’andamento è stato debole nell’ultimo trimestre (dell’esercizio che si conclude a giugno) così come nel Sud Est Asiatico, anche a causa della debolezza delle valute emergenti nei confronti della sterlina, che sarà prolungata dal probabile aumento dei tassi da parte della Fed. Negli ultimi 12 mesi ha reso il 5,3%.

4. Sca
Giudizio negativo (sell) con target price 175 corone, inferiore alla quotazione attuale di 207,8 per la società cartaria svedese che risente negativamente dell’andamento del cambio, visto che il prezzo del maggiore input è in dollari, mentre la maggioranza (60%) delle vendite sono in euro. Poichè che la compagnia non utilizza politiche di hedging la redditività sarà messa sotto pressione. ll titolo, che capitalizza oltre 145 miliardi di corone sul listino di Stoccolma, negli ultimi 12 mesi ha reso il 17,4%.

5. Lundin Petroleum
Target di 115 corone per la compagnia petrolifera svedese che ha messo a segno una performance migliore di quella del settore, grazie ai solidi fondamentali, alle attese di crescita e alle speculazioni di m&a dopo l’accordo Shell-Bg. Il rating è sell (vendere) irischi di esecuzione dei progetti permangono e non giustificano un premio di valutazione rispetto ai concorrenti. I risultati del primo trimestre saranno comunicati il 6 maggio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X