Per il Credit Suisse non si vedrà ripresa in Europa nel 2013

A
A
A
di Luca Spoldi 19 Aprile 2013 | 10:13

Gli analisti salvano Bmw, ma sono negativi sulle prospettive per i prossimi trimestri per i produttorei europei di massa. Fiat nei primi tre mesi dell'anno potrebbe aver bruciato 1,5 miliardi di euro di cassa

PER L'AUTO EUROPEA IL 2013 E' INIZIATO COME SI ERA CHIUSO IL 2013 – Il primo trimestre del settore automobilistico ha deluso le attese, ripetendo lo stesso andamento già visto nel secondo semestre del 2012. Lo segnalano stamane gli analisti di Credit Suisse, secondo cui gli investitori proveranno ora a capire cosa può riservare il futuro partendo da queste basi. “Data la bassa fiducia dei consumatori e l’elevata disoccupazione vediamo pochi segnali di una ripresa della domanda europea” nel 2013, aggiungono gli esperti, secondo i quali solo Bmw potrebbe avere qualche chanche in più rispetto a nuove sofferenze che sembrano da mettere in conto per i produttori “mass market”. Per Fiat in particolare gli analisti prevedono “un altro trimestre negativo, con free cash flow negativi per 1,5 miliardi di euro”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fca mette il turbo a Piazza Affari. Le strategie di Vontobel Certificati

L’intelligenza artificiale per l’innovazione e la crescita nel settore automobilistico

Segnali confortanti per Fiat dagli Usa

NEWSLETTER
Iscriviti
X