Anima Holding, più che la semestrale pesano le tensioni argentine

A
A
A
di Luca Spoldi 31 Luglio 2014 | 15:03

La semestrale di Anima Holding è migliore delle attese ma non basta a evitare al titolo perdite in una giornata in cui gli indici di Piazza Affari tornano a perdere terreno

ANIMA HOLDING RIDUCE LE PERDITEAnima Holding reagisce alle vendite che in mattinata avevano portato il titolo a toccare un minimo di 4,33 euro e si riporta tra i 4,40 e i 4,50 euro per azione, riducendo a meno di un punto percentuale il calo dalla chiusura di ieri dopo risultati del primo semestre che hanno mostrato una decisa crescita di ricavi (+27% a 113 milioni di euro) e utile netto (+66% a 40,3 milioni, mentre l’utile normalizzato segna +59%).

IL DEFAULT ARGENTINO PESA PIU’ DELLA SEMESTRALE – Il tutto a fronte di una raccolta netta salita del 50% a circa 5 miliardi di euro da inizio anno al 30 giugno scorso e di commissioni nette che hanno toccato quota 102,6 milioni di euro (erano state pari a 81,5 milioni di euro nello stesso periodo del 2013). A pesare sul titolo, nell'ultima seduta del mese di luglio, è la giornata negativa dei listini europei dopo che alle tensioni legate alle ulteriori sanzioni Usa e Ue contro la Russia (e in particolare tre banche a controllo statale) si sono aggiunti timori in merito all’evolversi del default “bis” dell’Argentina.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: Piazza Affari si tinge sempre più di green

Directa pronta a debuttare a Piazza Affari

Piazza Affari, Del Vecchio-Caltagirone: rischio concerto?

NEWSLETTER
Iscriviti
X