Fidelity: anche dopo la Brexit prospettive per l’azionario restano solide

A
A
A
di Luca Spoldi 24 Giugno 2016 | 09:52

Nell'immediato gli investitori cercano di proteggere il capitale più che di guadagnare, ma a medio termine le prospettive rimangono solide sie per le azioni inglesi sia per quelle europee


INCERTEZZA PIU’ POLITICA CHE ECONOMICA – “L’incertezza di fronte a noi è più politica che economica”: così Paras Anand, responsabile Azionario Europa di Fidelity International, commenta nel corso di una live webcast intitolata “i mercati europei dopo il voto della Brexit” il risultato elettorale britannico che ha visto la vittoria del partito favorevole all’uscita del Regno Unito dalla Unione europea, invitando a non farsi impressionare più del dovuto dalla inevitabile volatilità dei prezzi nell’immediato.
       
PROSPETTIVE RESTANO ROBUSTE A MEDIO TERMINE – A medio termine, sottolinea il gestore, sia le azioni inglese sia quelle europee continuano ad avere robuste prospettive tanto dal punto di vista delle valutazioni quanto del mix di buona crescita capitale a lungo termine e buoni flussi di dividendi. Nel caso di eventi come la “Brexit” l’appetito per il rischio è guidato dal desiderio di preservare il capitale più che non di guadagnare, per cui gli investitori individuali non vogliono comprare volatilità a breve per preservare il ritorno a lungo termine, mentre gli investitori professionali possono approfittare di simili situazioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti