La bella vita dei pensionati all’estero ci costa un miliardo all’anno

A
A
A
di Redazione 23 Agosto 2016 | 10:24

Vivere più che dignitosamente anche con soli mille euro al mese, lontano dall’Italia e dalla sua famelica burocrazia. Sono sempre di più i pensionati over 65 che negli ultimi anni hanno detto addio al Belpaese per abbracciare mete esotiche in cui la vita costa poco ed è possibile trascorrere una vecchiaia da nababbi magari grazie a un assegno minimo.

Stando ai risultati di uno studio condotto dall’Inps nel 2015, ogni anno l’Italia spende circa un miliardo di euro in assegni e trattamenti assistenziali ai pensionati emigrati all’estero (oltre 36mila persone tra il 2003 e il 2014).

Solo dal 2010 al 2014 – rende noto l’ente previdenziale presieduto da Tito Boeri – il numero di coloro che hanno deciso di passare la vecchiaia oltre-confine è passato da 2.553 a 5.345 unità, aumentando del 109%, per un totale di 400mila trattamenti pensionistici annuali erogati in più di 150 Paesi: praticamente in tutto il mondo. Nel rapporto World Wide Inps si legge che

“La presenza di pensionati Inps è concentrata nelle aree continentali verso cui storicamente si sono indirizzati i flussi migratori dal nostro Paese, quali EuropaAmerica settentrionaleAmerica meridionale ed Oceania (ovviamente per l’Australia), mentre in AsiaAfrica ed America centrale risiedono solo poche migliaia di pensionati”.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fisco: Inps, posticipata la rata contributiva

Cassa integrazione, sindacati e consulenti criticano l’Inps

Il governo fa annunci, l’Italia avrebbe bisogno di fatti

NEWSLETTER
Iscriviti
X