Osservatorio Hedge Fund: i fondi più grandi e le strategie più seguite

A
A
A
di Marco Mairate 23 Aprile 2009 | 13:15
Prosegue il nostro viaggio all’interno dell’industria hedge con i più grandi fondi esistenti e le strategie hedge più ‘popolari’ tra gli investitori. Grazie all’ultimo studio di International Financial Services London “Hedge Fund 2009” analizzeremo l’industria hedge nei suoi diversi aspetti quantitativi e qualitativi.

Negli ultimi anni l’industria hedge ha esperito una rapida concentrazione degli asset nella Top Ten dei gestori alternativi.

Vista la rapida accelerazione nelle chiusure di fondi e il continuo declino nel numero di nuovi lanci, consolidare sarà la parola chiave dei prossimi anni, cosa evidente dalla tabella a fianco.

Alla fine del 20008 i primi 100 fondi hedge mondiali gestivano quasi due terzi dell’intero patrimonio globale, una concentrazione che è aumentata del 54% rispetto il 2003.

Bridgewater Associates alla fine del 2008 era il più grande fondo hedge del pianeta per masse gestite (nel riquadro il fondatore Ray Dalio). A seguire, JP Morgan (-26% sull’anno precedente a 33 miliardi di dollari) e Paulson & Co (29 miliardi di dollari).

Nel 2008 il tasso di mortalità dei fondi è stato del 3-5% più elevato rispetto i precedenti 10 anni.


STRATEGIE

Le strategie di investimento dei fondi hedge variano enormemente l’una dall’altra.

Alcune strategie possono essere disegnate per essere ‘direzionali’ (ovvero cercano di anticipare i movimenti dei mercati) altre invece vengono chiamate ‘market neutral’ (ovvero cercano di mantenere una bassa correlazione con il mercato).

A livello di singole strategie, i long/short continuano a rappresentare la strategia più di successo nell’universo alternativo, ma la loro popolarità è comunque in calo rispetto la market share del 41% del 2007 (vedi tabella).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti