EUR-USD sta per invertire?

A
A
A
di Finanza Operativa 28 Maggio 2018 | 14:00

A cura di Xtb

  • Maggio ha visto il calo della frana su EURUSD a un minimo di diversi mesi 1.1646
  • Le aspettative della Fed, i disordini politici hanno pesato sull’euro
  • Una potenziale inversione di tendenza potrebbe essere cruciale per la coppia

L’EURUSD sta cadendo come una pietra ultimamente e c’erano buone ragioni per questo. Inizialmente si trattava del dollaro USA che sta guadagnando terreno, visto che il secondo aumento quest’anno è sempre più vicino. Tuttavia, le storie europee hanno aggiunto preoccupazioni e spinto la coppia ancora più in basso. Detto questo, la coppia si avvicina al livello chiave di 1.1550 e ci chiediamo se potrebbe essere un’opportunità di inversione di tendenza?
 
È un premio per il rischio in Europa?
Questa potrebbe essere la domanda chiave per i mercati. Basta dare un’occhiata a questo grafico qui sotto – si potrebbe facilmente vedere una forte correlazione tra gli spread di rendimento (Italia e Spagna in Germania) e l’EURUSD. Più alti sono gli spread, maggiore è il rischio di scomposizione dell’euro e, di conseguenza, di un EURUSD inferiore. Poi improvvisamente questa correlazione si è rotta attraverso il 2013/14 quando la BCE è intervenuta per eliminare il rischio di frammentazione con vari programmi (in particolare il QE) e l’attenzione del mercato si è spostata sugli aumenti dei tassi negli Stati Uniti. Sul lato destro del grafico possiamo vedere di nuovo tutte le linee che spuntano. È troppo presto per dire che la correlazione è tornata, ma c’è qualcosa in serbo di sicuro.

 Il rischio di credito è stato cruciale per l’EURUSD tra il 2011 e il 2013 e ha avuto un ruolo recente. Fonte: Macrobond, XTB Research
 
Il rischio di frammentazione sembrava un vulcano estinto, ma è stato improvvisamente risvegliato da politici irresponsabili in Italia. L’Italia che guardava a introdurre alcune riforme serie dopo la crisi del 2012 si stava rivolgendo sempre più verso la direzione populista e ora la chiusura parlamentare che probabilmente porterà ad altre elezioni a settembre (e un’altra vittoria populista) vede gli investitori giustamente preoccupati . Se ciò non bastasse, c’è il rischio di elezioni anticipate in Spagna che si sono occupate del problema catalano senza molto successo finora.
La domanda è se questi rischi possono far riprendere definitivamente la crisi dell’euro e la nostra risposta è “non ancora”. Gran parte del debito dei PIGS è stato accumulato dalla BCE e il QE durerà fino alla fine dell’anno e forse anche più a lungo se ci saranno problemi lungo la strada. Una massiccia riduzione del premio PIGS / Germania non ha rispecchiato la fiducia dei mercati sui fondamentali, ma la riluttanza a commerciare con la banca centrale – perché cambiare ora? In secondo luogo, la Spagna potrebbe ancora scappare dalle elezioni anticipate e se lo facesse, ci sarebbero altri 2 anni di relativa stabilità. Così mentre ci sono problemi lungo la strada e gli investitori sono stati risvegliati da un dolce sogno di un’Europa senza problemi, non vediamo una crisi in piena regola nel breve termine.
 
Il prezzo del petrolio è cruciale, potrebbe questa inversione?
Di solito c’è una correlazione positiva tra OIL ed EURUSD perché l’USD più debole fa salire i prezzi delle materie prime. Ma ultimamente ha funzionato nella direzione opposta a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio negli Stati Uniti e delle aspettative sui tassi. Pertanto, una brusca inversione di tendenza sull’OIL potrebbe essere un segnale importante per il mercato dei cambi, se si rivelerà duratura. È stato il risultato dei suggerimenti della Russia che le quote di produzione di petrolio potrebbero essere presto allentate, ma con il vertice dell’Opec a giugno potremo aspettarci molte speculazioni in vista.

Un’inversione su OIL potrebbe essere un primo segnale rialzista per EURUSD ma la chiave 1.1550 deve ancora essere testata. Fonte: xStation5
 
Tecnicamente, dobbiamo ancora vedere un modello di inversione significativa sull’EUR / USD e il livello chiave di 1.1550 deve ancora essere testato. Perciò i tori sono pazienti e potrebbero preferire aspettare un segnale credibile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Economia, dal secondo trimestre crescita forte ma irregolare tra le regioni

Giannini (Tradingfacile): “Azioni, ora è meglio comprare le discese piuttosto che vendere le salite”

Euro-dollaro, aria di volatilità. Ma il trend a lungo termine è favorevole alla moneta europea

NEWSLETTER
Iscriviti
X