Exor chiude in perdita, ma guadagna in patrimonio

A
A
A

La società di John Elkann archivia il terzo trimestre con una perdita consolidata di 4,7 milioni di euro, contro l’utile di 175,8 milioni dell’analogo periodo scorso. Tuttavia, il patrimonio netto è cresciuto di 1.745 milioni.

Avatar di Fabio Coco12 novembre 2009 | 14:45

Exor archivia i primi nove mesi dell’anno con una perdita consolidata di 266,6 milioni di euro; l’analogo periodo del 2008 si era chiuso con un utile consolidato di 477,1 milioni, di cui 332,5 milioni di competenza dei Soci della Controllante e 144,6 milioni di competenza degli Azionisti Terzi della controllata IFIL (incorporata il 1° marzo 2009). A livello di risultato consolidato la variazione negativa ammonta a 743,7 milioni di euro e deriva dal decremento netto dei risultati delle partecipate (-614,3 milioni), dal decremento del risultato finanziario netto (- 124,2 milioni) e da altre variazioni nette ( €5,2 milioni).

Quanto al solo terzo trimestre, la perdita consolidata è stata pari a 4,7 milioni; l’analogo periodo dell’esercizio 2008 si era chiuso con un utile di 175,8 milioni, attribuibili per  125,8 milioni ai Soci della Controllante e per 50 milioni agli Azionisti Terzi della Controllata IFIL. Anche in questo caso la variazione negativa a livello di risultato consolidato, pari a 180,5 milioni, deriva dal decremento netto dei risultati delle partecipate (- 118,1 milioni), dal decremento del risultato finanziario netto (- 60,6 milioni) e da altre variazioni nette (- 1,8 milioni).

Il Net Asset Value (NAV) di EXOR è pari a 5.258 milioni ed evidenzia un incremento di 761 milioni (+16,9%) rispetto al dato del 30 giugno 2009, pari a  4.497 milioni, e di  2.290 milioni (+77,2%) rispetto al dato di  2.968 milioni al 1° marzo 2009 (data di efficacia della fusione della controllata IFIL). Il patrimonio netto consolidato del Gruppo, invece, ammonta a  5.361,4 milioni ed evidenzia un incremento di 1.745,8 milioni rispetto al dato di fine 2008, pari a  3.615,6 milioni. Tale variazione positiva deriva dalla fusione per incorporazione della controllata IFIL (+1.706,2 milioni), dalla perdita consolidata dei primi nove mesi del 2009 (- 266,6 milioni) e da altre variazioni nette (+ 306,2 milioni).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Piazza Affari in altalena, recuperano gli industriali, banche e Saipem ancora giù

Exor: prima riduciamo il debito, poi penseremo ad acquisizioni

Avvio di settimana negativa per la borsa di Milano

Piazza Affari, mattinata senza grandi emozioni ma brilla Stmicroelectronics

Piazza Affari chiude a -2,59%, banche e ciclici sotto schiaffo

Piazza Affari perde quota: Exor brilla, Tenaris e Saipem soffrono

Exor numero uno in fatturato e debiti, Eni per gli utili

Exor esce da Banijay con una buona plusvalenza

Via libera dei soci PartnerRe all’offerta di Exor

A Milano si salva il lusso, giù tutto il resto

Milano in calo, in scia a Exor e Unicredit

A Miano brillano Exor e Fca, debole il lusso

Milano chiude in calo di oltre 3 punti

I conti di PartnerRe non brillano nel trimestre

Exor parla anche con l’Economist

Milano attende Wall Street, Saipem soffre ancora

Exor brilla, Mps e Azimut faticano

Milano in rialzo al netto dei dividendi, bene gruppo Agnelli

Exor tira il fiato ma resta sotto i riflettori in Borsa

Milano prosegue la corsa grazie anche alla Bce

Milano evita il rosso, Mps limita la caduta

A Milano prosegue la caduta dei titoli bancari

Exor approva il bilancio, dividendo da 33,5 centesimi

Dexia Asset Management Top Funds febbraio 2014

Exor: utile a 25,1 milioni

Agnelli, oggi in cassaforte cambia tutto

Exor investe sul mattone

Exor, perdita netta a 388,9 milioni

Promotori Finanziari – Elkann conferma l'interesse su Fideuram

Ti può anche interessare

Ecco come lo spread strozza le banche (e i risparmi)

Istituti in difficoltà con l’ascesa del differenziale ...

Dividendi, è record mondiale

Le borse si riprendono e i dividendi globali raggiungono un nuovo record storico. Secondo la rilevaz ...

Conte bis, accelerata sull’export

Al centro del governo Conte-bis ci sarà l’incremento dell’export italiano. La questione ...