Bpm pronta a incassare i Tremonti bond

A
A
A
Avatar di Redazione 3 Dicembre 2009 | 11:45
Assieme ai T-bond il gruppo prosegue nel collocamento (ma agli istituzionali) del bond convertendo ispezionato da Consob. Tra emissioni e dismissioni di asset l’obiettivo è portare il core tier 1 al 7,65%.

E’ previsto per domani l’incasso di 500 milioni di euro in Tremonti Bond da parte della Banca Popolare di Milano, che si aggiunge così alla (magra) fila degli istituti che hanno fatto ricorso agli strumenti messi in piedi dal Tesoro per rafforzare i coefficienti patrimoniali delle banche. Prima di Bpm c’è stato il Banco Popolare (che ne aveva emessi 1,45 miliardi), seguiranno a ruota Mps (che ne enetterà 1,9 miliardi) e il Creval (200 milioni di euro). Ma quella dei T-bond per l’istituto milanese è solo una tappa all’interno di un percorso di rafforzamento patrimoniale che prevede, oltre al collocamento di un bond convertendo da 700 milioni di euro, le dismissioni di alcuni asset: secondo il Sole 24ore di questa mattina sarebbe già realizzata la cessione di alcuni crediti ad una controparte estera, probabilmente Deutsche Bank, che avrebbe generato una plusvalenza di 20-22 milioni di euro.

Una volta concluse queste operazioni il core tier 1 del gruppo dovrebbe salire al 7,65% (dal 6,5% al 30 settembre). Quanto al bond convertendo, su cui la scorsa settimana era intervenuta Consob, pochi giorni fa il gruppo aveva comunicato la sospensione del collocamento al retail. Nelle sue indagini l’autorità dei mercati aveva infatti riscontrato parecchie anomalie, tra cui un palese “ritocco” all’insù, effettuato da Bpm, della percentuale di bond venduti “su iniziativa del cliente” (pari all’86%, al di sopra di ogni media statistica), utile a bypassare le regole Mifid in materia di tutela del risparmiatore e poter così piazzare titoli ad alto rischio. Pochi giorni fa, appunto, il passo indietro di Bpm, che sempre secondo indiscrezioni avrebbe dirottato il collocamento agli istituzionali (con targe a 500 milioni di euro).

Il gruppo, che nonostante la contrazione del margine di interesse ha chiuso i primi nove mesi con i principali indicatori economici in crescita (+14,1% i proventi operativi, +27,5% l’utile netto), ha visto crescere le rettifiche su crediti (+142,2 milioni di euro), pur registrando un sensibile miglioramento delle stesse nel terzo trimestre (il costo del credito è infatti sceso dai 107 basis point del secondo quarter ai 62 del terzo).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, nasce un gigante italiano

Banco Bpm: in tre giorni di Borsa, passato il 10% del capitale

Matrimonio Banco Popolare – Bpm, l’ultimo ostacolo è la Consulta

NEWSLETTER
Iscriviti
X