Sangue freddo

A
A
A
di Redazione 15 Gennaio 2010 | 08:05
Che sorpresa: il salto indietro delle vendite al dettaglio ieri (-0,3% rispetto allo 0,5% atteso) è stato tanto sorprendente quanto… ignorato.

La reazione del greenback in effetti non s’è vista. In realtà s’è vista una vendita di dollari dappertutto tranne contro euro (siamo tornati nell’angusto corridoio delimitato da 1,4450 e 1,4250) e franco svizzero (e questo non ci deve sorprendere: EurUsd e UsdChf di solito si muovono in maniera inversa con un’altissima correlazione).

Sveliamo anche una “chicca” del nostro mercato: quando si tratta di dati USA, la reazione più logica arriva dal UsdJpy e ieri questa tendenza s’è confermata. Il UsdJpy ha perso 60 pip dopo il dato e più tardi ha macinato ancora 40 pip di discesa. Questo in contrapposizione ad un EurUsd fermo. Comunque la discesa nel UsdJpy non va ancora presa come un segnale di avversione al rischio: guardando all’equity, alla mancanza di reazione dall’oro, possiamo dedurre che l’ottimismo regna.

Probabilmente coloro che necessitano della linfa vitale del circuito del credito sono contenti perché senza la spesa dei consumatori non c’è motivo per alzare i tassi di interesse: free money ancora per qualche tempo dunque. Oggi di dati USA siamo pieni: CPI, Empire State, Produzione Industriale e Michigan Consumer Confidence: tante opportunità in arrivo.  Ah, ieri c’era anche la BCE con l’intervista a Trichet… meglio spendere qualche parola anche su questo fatto.

Trichet è stato molto cauto, utilizzando un linguaggio degno dei migliori Grinder e Bandler (i padri della Neuro Linguistic Programming: il parlare persuasivo) che ha calmato i mercati. I tassi sono ancora appropriati, ed il Pil dell’EuroZona potrebbe oscillare durante questa ripresa. Dunque la BCE si manterrà cauta.

Per quanto concerne infine la Grecia, il commento “ovvio” è stato “non devono aspettarsi alcun salvataggio da parte nostra, nonostante le loro tragiche condizioni”. Passiamo alla consueta analisi tecnica.

GbpUsd– Grafico 60 minuti

Ennesima inversione per l’euro, che non è riuscito a mantenersi stabilmente al di sopra del supporto di 1.4450 ed oltrepassare il primo livello chiave di Fibonacci (ricorderete 1.4580). Ora i prezzi hanno spazio di discesa sino a 1.4290: livello suggerito dalla trendline inferiore congiungente i minimi dal 21 dicembre scorso.

Il cambio UsdJpy si trova molto vicino al supporto chiave di 90.80, già testato due volte e da cui ci si attendeva uno spunto di risalita maggiore. Attenzione ad un’eventuale rottura ribassista.

Continua il momento favorevole alla moneta di Sua Maestà. Il cable, come è evidente osservando un grafico orario, sta continuando la tendenza rialzista iniziata ad inizio di settimana scorsa : questa fornisce, per oggi,  un obiettivo ambizioso a 1.6410, casualmente coincidente con il massimo relativo di riferimento (del 16 dicembre). Dato il posizionamento degli oscillatori stocastici, sia di lungo, sia di breve in posizione di ipercomprato, raggiunto questo livello ci si potrà attendere una fase di storno.

::::::____

Eventuali pareri, notizie, ricerche, analisi, prezzi, o altre informazioni contenute in questo documento sono fornite come commento generale del mercato e non costituiscono un consiglio personale. FXCM Italia non accetta responsabilità per qualsiasi perdita o danno, compresi, senza limitazione, qualsiasi perdita di profitto, che potrebbe derivare, direttamente o indirettamente dall’uso o affidamento su tali informazioni. Il contenuto di questo documento è soggetto a modifica in qualsiasi momento e senza preavviso ed è previsto per il solo scopo di aiutare i trader a prendere decisioni di investimento indipendenti. FXCM Italia ha adottato misure ragionevoli per assicurare l’accuratezza delle informazioni contenute nel documento, tuttavia, non garantisce l’esattezza e non accetta alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni derivanti, direttamente o indirettamente dal contenuto o la vostra incapacità di accedere al sito web, per qualsiasi ritardo o fallimento della trasmissione o la ricezione di eventuali istruzioni o avvisi inviati attraverso questo sito web. Questo documento non è destinato alla distribuzione, o all’utilizzo, da parte di qualsiasi persona in qualsiasi paese in cui tale distribuzione o l’uso sarebbe contrario alla legge o alla regolamentazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Forex: i target price di Goldman Sachs sui cambi principali

Forex, Euro Index in altalena prima di nuovo forte movimento direzionale

Il punto tecnico sul mercato Forex di Giovanni Maiani

NEWSLETTER
Iscriviti
X