Il petrolio soffre ma non muore. Il futuro, però, è green

A
A
A
Avatar di Valerio Baselli 15 Luglio 2020 | 09:45

A cura di Morningstar

Secondo un recente studio, pubblicato dall’autorevole think tank francese The Shift Project, l’Unione europea potrebbe ritrovarsi a corto di petrolio entro i prossimi dieci anni. La ragione principale sarebbe il declino inevitabile nella produzione di oro nero dei paesi fornitori dell’Ue, in particolare Russia, il blocco ex-Unione Sovietica e Africa. Uno scenario realistico?

Grazie allo shale oil e al gas di scisto gli Stati Uniti hanno in questi ultimi anni raggiunto di fatto l’indipendenza energetica e sono diventati anche il primo esportatore al mondo. Come ha reagito il mercato americano alla crisi legata al Covid-19? E quali sono le prospettive per la produzione Usa?

A che punto siamo con la decarbonizzazione dell’economia? Fra dieci anni le nuove energie potranno compensare la mancanza di petrolio?

Ha senso oggi dedicare una parte del portafoglio al petrolio o alle aziende energy? Oppure è meglio puntare su fonti alternative?

Ne abbiamo parlato con Maurizio Mazziero, esperto di materie prime e fondatore della Mazziero Research.  Clicca qui per vedere il video.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Pil, l’Italia crescerà del 4,7% nel 2021. Le stime Mazziero Research

Pil 2021 a +4,7%. Debito, ultimo calo poi la risalita. Le previsioni Mazziero Research

Italia, debito in lieve calo: 2.577 miliardi a fine novembre

NEWSLETTER
Iscriviti
X