Vita da trader – La febbre

A
A
A
Avatar di Redazione 11 Marzo 2010 | 10:30
Quando si sta a letto in malattia, l’angoscia cresce.

Sono Marco trader in proprio. Esiste un aspetto che non mi ha fatto mai amare la mia professione: l’ammalarmi. Non è come negli altri lavori, dove mandi il certificato di turno o alla peggio chiudi la saracinesca. Nella mia vita lavorativa non sono ammesse distrazioni, mancate presenze, salvo che, ovviamente, non siano programmate; perdersi uno sfondamento di resistenza, o farsi travolgere da un ribasso (anche solo nell’ottica nefasta di dovere affidarsi ciecamente ad uno stop loss) possono fare la differenza sul fatto che io possa o meno, arrivare a fine mese.

Non resta che operare in qualsiasi stato, cercando di limitare al minimo i danni. Credetemi, è una fatica immane; perché in borsa, in una giornata, ti puoi letteralmente rovinare.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Vita da trader – Tutte le allodole dell’EcoFin

Cosa c’è dietro il crollo di Wall Street

Vita da trader – Grecia e affini

NEWSLETTER
Iscriviti
X