Etf, le azioni trainano il mercato a novembre

A
A
A
di Stefano Fossati 17 Dicembre 2020 | 18:30

“Le notizie positive, tra cui quelle riguardanti l’approvazione di nuovi vaccini contro il Covid-19, hanno favorito il rally degli asset rischiosi e attratto nuovi flussi d’investimento nel comparto azionario. Le azioni di società domiciliate in diversi paesi ed incluse in varie tipologie di fondi (compresi gli Etp) hanno registrato afflussi record”. E’ quanto osserva Vincent Denoiseux, Head of Etf Research and Solutions di Lyxor. Di seguito la sua analisi.

Novembre è stato un mese eccezionale per le azioni, con flussi netti pari a 62,6 miliardi di euro (6 volte la media a 3 anni). Livelli elevati di investimenti si sono riscontrati nelle regioni sostenute dal vigoroso rimbalzo del mercato a novembre. Anche i fondi e gli Etf obbligazionari hanno beneficiato di flussi positivi seppur in misura inferiore, sia in termini assoluti (17,6 miliardi di euro) sia relativi (in linea con la media a 3 anni).

Flussi verso gli Etf

A novembre 2020, la raccolta degli Etf ha raggiunto il valore record di 18,3 miliardi di euro. Gli Etf obbligazionari e quelli azionari hanno accumulato rispettivamente 2,4 miliardi e 17,1 miliardi di euro. Gli investimenti negli Etf Esg hanno segnato un nuovo record a quota 7,5 miliardi di euro, più del doppio della media a un anno di questo segmento di mercato. Gli Etf Smart Beta hanno raccolto 2,9 miliardi di euro, sospinti dal rafforzamento delle esposizioni value.

Focus sulle asset class

Fondi ed Etf obbligazionari: la raccolta netta ha raggiunto complessivamente 17,6 miliardi di euro, di cui 15,2 miliardi di euro nei fondi aperti e 2,4 miliardi di euro negli Etf. Gli investitori hanno privilegiato la diversificazione, favorendo esposizioni globali e ai mercati emergenti.

Fondi ed Etf azionari: hanno registrato una raccolta netta record pari a 62,6 miliardi di euro, di cui 45,5 miliardi nei fondi e 17,1 miliardi negli Etf. Gli investitori hanno favorito le esposizioni ai mercati mondiali ed emergenti.

Smart Beta, il value ha trainato: gli investitori hanno continuato ad incrementare le loro esposizioni value nelle diverse regioni, una tendenza iniziata ad ottobre.

Settori: tecnologie mondiali, banche europee. A novembre, settori decisamente value come finanza ed energia sono stati oggetto di rinnovato interesse. I settori salute e tecnologia mondiale hanno continuato a beneficiare della transizione verso il telelavoro e degli importanti progressi sul fronte dei vaccini contro il Covid.

Paesi: Stati Uniti, Giappone e Cina. A livello di singoli paesi, gli investitori hanno continuato ad incrementare le esposizioni a Stati Uniti, Giappone e Cina.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, il focus sull’azionario Usa di Moneyfarm

Asset allocation: azionario europa vs Usa, i quattro punti da considerare

Investimenti: occhio allo scatto azionario

NEWSLETTER
Iscriviti
X